Scontro frontale con due morti nella notte a Porto Recanati

Scontro frontale con due morti nella notte a Porto Recanati

Le vittime sono Gianluca Carotti, 47 anni, ed Elisa Del Vicario, 40, di Castelfidardo. Feriti i loro figli di 10 e 8 anni. Un trentaquattrenne marocchino, con precedenti per droga, è stato arrestato con l’accusa di duplice omicidio stradale

PORTO RECANATI – Due persone, un uomo e una donna di Castelfidardo, sono morte ed altre 5 sono rimaste ferite, fra cui due bambini, in un terrificante incidente stradale avvenuto nella notte, poco dopo l’una, lungo la Statale Adriatica 16 a Porto Recanati.

Le vittime sono Gianluca Carotti, 47 anni, ed Elisa Del Vicario, 40, entrambi di Castelfidardo. I loro figli, di 10 e 8 anni, che si trovavano nel sedile posteriore, sono ricoverati all’Ospedale Salesi di Ancona. La bambina ha riportato un politrauma maggiore – si legge in un comunicato dell’Azienda sanitaria – ed è in coma farmacologico per cui necessita di supporto respiratorio e di monitoraggio intensivo. Il maschietto ha invece riportato un grave politrauma con interessamento del capo. È sveglio ma necessita di monitoraggio intensivo.

Al momento dello schianto la famigliola stava tornando a casa dopo aver preso parte ad una festa di Carnevale.

Tre le auto coinvolte nel tragico incidente, tra le quali un’Audi, il cui conducente, un trentaquattrenne di origini marocchine, residente a Monte San Giusto, accusato di duplice omicidio stradale, è stato subito arrestato dagli agenti della polizia stradale.

Stando a quanto si è appreso l’Audi condotta dal giovane marocchino – con precedenti per droga – avrebbe invaso la corsia opposta, scontrandosi con la Peugeot con a bordo la famiglia di Castelfidardo. A bordo dell’Audi, insieme al marocchino, si trovavano due suoi connazionali, rimasti feriti. Illesi, invece, quattro amici che viaggiavano sulla terza auto coinvolta nello schianto, una Ford.

Il giovane marocchino era già stato arrestato il 13 aprile dello scorso anno, insieme ad altre tre persone, dai carabinieri del Nucleo investigativo del Reparto operativo di Macerata, nell’ambito di un’operazione che portò al sequestro di 223 chili di hashish e, per questo, era ancora sottoposto all’obbligo di firma.

Sul luogo dell’incidente, oltre ai mezzi ed al personale del servizio sanitario regionale, sono intervenuti gli agenti della polizia stradale ed i vigili del fuoco.

E sullo schianto è subito divampata la polemica. “Il dolore per la tragedia – scrive Roberto Ascani, sindaco di Castelfidardo, sulla sua pagina Facebook – si frappone alla rabbia per le circostanze che hanno strappato la vita di Gianluca ed Elisa. Dalle notizie che arrivano sembra che il peggiore dei balordi abbia ucciso il meglio della nostra comunità. Due genitori splendidi, sempre pronti ad aiutare gli altri e a sorridere alla vita stanotte ci hanno lasciato. Non certo per fatalità. Dichiaro il lutto cittadino in segno di vicinanza ai familiari e ai tanti amici coinvolti”.

Duro anche l’intervento del vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini: “Una preghiera per questa mamma e questo papà, un pensiero ai loro bimbi. Solo schifo per l’assassino”.

Nelle foto: le auto coinvolte nel tragico incidente di Porto Recanati e le due vittime: Gianluca Carotti ed Elisa Del Vicario

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: