Il presidente Bartocetti del Comitato provinciale di Pesaro delle Pro loco: “Tre importanti progetti per il 2019”

[themoneytizer id=17589-1]

Il presidente Bartocetti del Comitato provinciale di Pesaro delle Pro loco: “Tre importanti progetti per il 2019”

Potenziamento de “Il Natale che non ti aspetti” grazie a 70mila euro della Regione, collaborazione con Centri e Uffici IAT ed una guida turistica. Nel 2018 sono state 277 le iniziative organizzate dalle 66 Pro loco

VALLEFOGLIA – Nel 2018 sono state 277 le iniziative organizzate dalle pro loco nel territorio provinciale, sia di carattere enogastronomico che sportivo, culturale, religioso, folkloristico. Un dato che evidenzia il lavoro e l’impegno nella salvaguardia delle tradizioni e nella promozione del territorio profuso dalle 66 pro loco (articolate nei 54 comuni della provincia) e dai tanti volontari che collaborano al loro interno, sotto il coordinamento del Comitato Unpli di Pesaro e Urbino presieduto da Damiano Bartocetti.

Nell’assemblea generale delle Pro loco svoltasi nella sala consiliare di Sant’Angelo in Lizzola, alla presenza del sindaco di Vallefoglia Palmiro Ucchielli, del presidente della Provincia Giuseppe Paolini, del vice presidente del Consiglio regionale Renato Claudio Minardi, del consigliere regionale Andrea Biancani e di altre autorità, Bartocetti ha illustrato le principali attività svolte dal Comitato provinciale delle Pro loco nel 2018 ed i programmi per il 2019.

GLI OBIETTIVI DEL 2019

“Tra gli obiettivi 2019 – ha sottolineato Bartocetti – c’è il potenziamento delle iniziative legate al progetto “Il Natale che non ti aspetti”. Visto il crescente successo di questo format, che nel 2018 ha unito 15 Pro loco nella promozione degli eventi natalizi del territorio provinciale, suscitando grande attenzione anche alla Bit di Milano, intendiamo incrementare la già massiccia promozione ed allargare la partecipazione ad altre pro loco, essendo innumerevoli le ricadute turistiche anche nel periodo primaverile ed estivo. La Regione Marche, credendo fortemente nel nostro progetto, ha messo a bilancio per ‘Il Natale che non ti aspetti’ 40mila euro nel 2020 e 30mila nel 2021 e di questo voglio ringraziare il vice presidente del Consiglio regionale Renato Claudio Minardi”. Altro obiettivo: “Abbiamo presentato un progetto alla Regione Marche per una collaborazione delle Pro loco con i Centri Iat e Uffici Iat, offrendo un supporto nel settore dell’accoglienza, ci auguriamo venga approvato”. In cantiere, inoltre, un progetto con tutte le associazioni di categoria ed in collaborazione con la Provincia per realizzare “una guida turistica che racchiuda le bellezze artistiche, storiche, culturali e naturalistiche dei 54 comuni del territorio provinciale, con particolare attenzione alle iniziative che si svolgono in ognuno di essi, affinché il turista abbia una visione globale di tutto quello che il territorio può offrire”. Come evidenziato dal vice presidente provinciale Unpli Ethien Lucarelli, “nelle Pro loco sono le persone che fanno la differenza, perché nella realizzazione degli eventi è necessario un grande impegno ed i nostri volontari lavorano ogni giorno per garantire i migliori risultati. Le Pro loco sono un asse fondamentale per la promozione del territorio”.

MANTENERE VIVE TRADIZIONI E RADICI

“Ringrazio Damiano Bartocetti – ha detto il sindaco di Vallefoglia Palmiro Ucchielli – per aver scelto per l’assemblea annuale Unpli questo prestigioso Palazzo Mamiani. Vallefoglia è una terra di mezzo tra Pesaro e Urbino, con tre castelli e luoghi e paesaggi di grande bellezza e potenzialità turistiche. Abbiamo due pro loco, quella di Montecchio e di Sant’Angelo in Lizzola, che insieme al Comune promuovono decine di iniziative turistiche e culturali. Ringrazio tutte le pro loco del territorio provinciale e le migliaia di volontari che ruotano intorno ad esse”.

“Le pro loco – ha evidenziato il presidente della Provincia Giuseppe Paolini – svolgono un ruolo fondamentale non solo per le attività e gli eventi che portano avanti, ma per il fatto di mantenere vive le tradizioni, le radici ed il senso di appartenenza di un territorio, con un’attività importante per il tessuto sociale dei paesi e delle zone più svantaggiate, facendo da collante ed evitandone lo spopolamento. Una fiamma mantenuta accesa dai tanti volontari, che sono la risorsa delle pro loco e di questi luoghi”.

“Le Marche – ha detto il vice presidente del Consiglio regionale Renato Claudio Minardi – sono orgogliose delle Pro Loco e di tutti i volontari che si impegnano ogni giorno per valorizzare luoghi e antiche tradizioni locali. L’accoglienza e la promozione turistica possono contare sul prezioso contributo delle Pro Loco, che con la loro attività consolidano il brand Marche e le innumerevoli bellezze. Una realtà associativa che vede migliaia di persone coinvolte con passione e abnegazione, un vero esercito di volontari che dedica il tempo libero in un’attività di volontariato di grande valore sociale, culturale e turistico a beneficio della propria comunità. L’assemblea provinciale è un appuntamento fondamentale per consolidare il senso di appartenenza e fare squadra tra le Pro Loco, guidate con grande dedizione, competenza e tanto lavoro dal presidente Bartocetti”.

“Ho avuto l’occasione di partecipare alle vostre iniziative – ha detto il consigliere regionale Andrea Biancani alle Pro loco – ed ho notato l’alta qualità delle proposte e del vostro lavoro. Voi volontari siete un esempio di partecipazione attiva, un esempio positivo ed un valore aggiunto per l’intero territorio”.

LE ATTIVITA’ SVOLTE NEL 2018

Quanto alle attività svolte nel 2018, oltre ad intensi rapporti istituzionali e numerosi incontri con le Pro loco del territorio, spiccano le 366 uscite de “Il Natale che non ti aspetti” sulla stampa quotidiana e periodica nazionale e locale, su Tv, radio e siti web, gli incontri informativi con i vigili del fuoco sulle misure di sicurezza nelle manifestazioni pubbliche, il corso di formazione HACCP e quello per addetti antincendio con rischio incendio elevato, la collaborazione logistica per la Festa della Polizia a Pesaro e la degustazione di prodotti offerta per la Festa dell’Arma dei Carabinieri a Pesaro, l’iscrizione dell’Unpli all’Albo Unico di Servizio Civile Universale, l’accordo con l’APA hotel, la collaborazione nell’apertura al pubblico di strutture  museali in modo continuativo e le innumerevoli iniziative dedicate ai prodotti enogastronomici.

 

 

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it