Nelle Marche si va verso una ricostruzione post sisma più snella con meno burocrazia

Nelle Marche si va verso una ricostruzione post sisma più snella con meno burocrazia

Il Sottosegretario Vito Crimi: “Tuteliamo il territorio,  le sue imprese e i cittadini”

ASCOLI PICENO – Il Sottosegretario di Stato con delega alla ricostruzione post terremoto Vito Crimi, insieme al Commissario straordinario Piero Farabollini, sono stati oggi nelle Marche per il primo di una due giorni che li vedrà impegnati in incontri con Sindaci, popolazione, aziende e tecnici, per dialogare in modo costruttivo sulle norme e soprattutto sulle semplificazioni da adottare per ricostruire doppio sisma.

I deputati pentastellati Roberto Cataldi, Rachele Silvestri e Giorgio Fede sono stati accanto ai commissari in questa giornata iniziata in una delle aziende simbolo del settore colpito dal sisma, la Tod’s, che in meno di un anno ha voluto dare vita ad una realtà imprenditoriale per dimostrare vicinanza ad territorio messo in ginocchio come quello di Arquata del Tronto.

“Sviluppare un territorio nonostante l’assenza di collegamenti è difficilissimo, e il Senatore Crimi ha potuto constatare con i propri occhi sia una realtà imprenditoriale  sana, che rappresenta tante aziende del settore calzaturiero che desiderano ripartire nonostante tutto ma che si trovano costrette a fronteggiare difficoltà oggettive di logistica e di collegamenti stradali, sia la forza dei marchigiani, il nostro orgoglio, che non ci fa arrendere. Un orgoglio ben vivo e palpabile anche durante l’incontro con i Sindaci e i rappresentanti del cratere, con cui si è potuto instaurare un dialogo aperto e costruttivo: il Governo intende modificare le norme che bloccano la ricostruzione, scriverne di nuove insieme a chi veramente ha vissuto sulla sua pelle la tragedia prima e la desolazione poi, in modo che la ricostruzione sia efficace, semplice e rapida”, commentano i parlamentari pentastellati.

Dopo l’incontro con le amministrazioni ed i rappresentanti del cratere, la visita del senatore Crimi e del commissario Farabollini è proseguita con l’incontro con i tecnici degli ordini professionali.  “Ingegneri, architetti, commercialisti, geologi, camere di commercio parlano anche loro di una burocrazia che opprime e non facilita, che strozza e rallenta la ricostruzione, e la ricostruzione è fatta di persone, famiglie, imprenditori e cittadini che vogliono tornare alla loro vita, alla loro casa e al loro lavoro. È necessario facilitare la ripartenza di chi aveva l’impresa, magari piccola, ed ha perso anni di risparmi ed investimenti con la distruzione causata dal sisma. Siamo certi che  il Sottosegretario Crimi ed il commissario straordinario Farabollini hanno perfettamente compreso le problematiche che il nostro territorio affronta e sapranno ancora di più sostenere la ricostruzione in modo fattivo e concreto” ,concludono i parlamentari del Movimento 5 Stelle.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: