Mafia nigeriana, Lollobrigida (Fdi): “Non bisogna sottovalutare le parole di Zuccaro e Pignataro”

Mafia nigeriana, Lollobrigida (Fdi): “Non bisogna sottovalutare le parole di Zuccaro e Pignataro”

di FRANCESCO LOLLOBRIGIDA*

ROMA – L’allarme lanciato dal procuratore di Catania Zuccaro sui legami tra mafia nigeriana e il Cara di Mineo non solo non va sottovalutato, ma fa il paio con quello lanciato sulle colonne del Corriere Adriatico dal questore di Macerata Pignataro, secondo il quale ci sono “sodalizi che hanno basi in Nigeria e che hanno a disposizione un esercito di persone da spedire in Italia e da sostituire come pedine in qualsiasi momento. Sono addestrate e ben consapevoli di cosa devono fare una volta arrivate sul territorio. Sono spregiudicate e fanno parte di una criminalità feroce, incline a usare violenza”.

Non dimentichiamo che proprio a Macerata perse la vita, barbaramente uccisa e fatta a pezzi, la povera Pamela Mastropietro, per il cui assassinio è sotto processo il nigeriano Oseghale mentre gli inquirenti sospettano che la giovane romana sia finita in una rete criminale specializzata nella tratta delle bianche che l’avrebbe adescata con la droga per poi trasformarla in una prostituta.

Vediamo se dopo i fatti del Cara di Mineo e dopo le parole di un procuratore e un questore ci sarà ancora qualcuno che negherà l’emergenza mafia nigeriana in Italia.

*Capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera dei Deputati

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it