Modificata in Regione la norma sui processi di fusione dei Comuni

Modificata in Regione la norma sui processi di fusione dei Comuni

“Se c’è discordanza nell’esito tra la maggioranza degli elettori e il numero dei Comuni verrà chiesto un ulteriore parere ai Consigli comunali”. Contrario il voto del relatore di minoranza, il vicepresidente Gianni Maggi del Movimento 5 Stelle

ANCONA – Via libera in Prima commissione affari istituzionali-bilancio alla modifica della norma sui processi di fusione dei comuni. Nella seduta di oggi è stata approvata a maggioranza la proposta di legge, a iniziativa della Giunta regionale, relatori il presidente Francesco Giacinti (Pd) e il vicepresidente Gianni Maggi (M5s), che aggiorna le norme per istituire un nuovo comune mediante fusione di due o più comuni. La legge regionale del 1995 sul riordino territoriale si limitava a prevedere un referendum consultivo, senza definire criteri di valutazione sull’esito della consultazione. Con un emendamento la commissione ha proposto che, qualora ci sia discordanza tra la maggioranza degli elettori e il numero dei comuni, sarà necessario acquisire un nuovo parere dei Consigli comunali interessati.

Nel dettaglio si richiede un’ulteriore espressione delle singole amministrazioni comunali qualora la maggioranza dei comuni è favorevole, mentre la maggioranza degli elettori è sfavorevole o viceversa. In caso di parità tra comuni (esempio due a favore e due contrari), si procede comunque se c’è la maggioranza degli elettori. Se entro 60 giorni le amministrazioni non si esprimono, si prescinde dall’acquisizione del parere e la Commissione trasmette la proposta di legge per la fusione al Consiglio regionale.

L’aggiornamento alla norma era stato sollecitato dal Consiglio regionale con una risoluzione approvata nel dicembre del 2016, a seguito del procedimento di fusione dei comuni di Serrungarina, Saltara e Montemaggiore al Metauro, sul quale quest’ultimo borgo si era espresso negativamente.

Nel documento si chiedeva alla Giunta di presentare una proposta di legge per introdurre parametri in grado di valutare la volontà dei cittadini di ogni comune coinvolto. Alla pdl dell’esecutivo, presentata nel luglio del 2017, approvata oggi con l’emendamento della Commissione, sono state abbinate le proposte di legge a firma dei consiglieri Maggi e Fabbri (M5s) e del consigliere Giancarli (Pd).

«Le fusioni – spiega Giacinti – sono strumenti strategici e innovativi per migliorare l’efficienza delle amministrazioni e le istituzioni stesse. Possono aiutare i comuni a gestire i servizi, a razionalizzare la spesa e ad avere più risorse. Ma sono processi che non possono essere vissuti come forzature, devono essere spiegati e ampiamente condivisi dalla popolazione. Per questo il referendum sulla fusione non può essere il punto di partenza, ma è il punto di arrivo, dopo una graduale presa di coscienza dei vantaggi e delle opportunità offerte. Senza questa premessa, la partecipazione al voto dei cittadini resterà bassa e la riuscita della fusione sarà molto difficile».

«Con questo emendamento – conclude il presidente – nel rispetto dell’articolo 133 della Costituzione e delle prerogative del Consiglio regionale, vengono definite chiaramente le ipotesi in cui si richiede un ulteriore parere ai Consigli comunali, prima di votare in Aula». Contrario il voto del relatore di minoranza, il vicepresidente Gianni Maggi del Movimento 5 Stelle, firmatario di una delle leggi abbinate.

“Questa mattina, dopo giorni di discussione che mi hanno visto unica controparte della maggioranza – sostiene Gianni Maggi –, la prima Commissione ha licenziato, col mio solo voto contrario, la proposta di legge sulle fusioni che potrà così passare in Consiglio regionale per l’approvazione.

“Il Movimento 5 Stelle ha chiesto che, nel caso la popolazione anche di un solo Comune esprima al referendum una maggioranza di voti negativi alla fusione con l’altro o gli altri Comuni, la Regione non proceda all’approvazione della legge che costringerebbe anche il Comune contrario a fondersi.

“Questo per impedire che il Sindaco e la Giunta deliberino la fusione, e dunque la perdita di identità del loro Comune, senza aver fatto partecipare alla decisione i loro concittadini.

“La proposta di legge passata oggi in Commissione, invece, prende in considerazioni le varie ipotesi di esiti referendari e con un meccanismo di maggioranze tanto forzato quanto ingiusto, viene data al Consiglio regionale la facoltà di costringere per legge a fondersi anche il Comune i cui cittadini hanno espresso una volontà contraria.

“Il Movimento 5 Stelle è favorevole al principio della fusione dei piccoli Comuni, ma in questo caso la maggioranza Pd vuol tenersi tutta la discrezionalità di decidere della loro sopravvivenza infischiandosene della volontà del cittadini. Niente di nuovo sotto il sole, il Pd gattopardesco – conclude Gianni Maggi – cambia le facce perché nulla cambi nella gestione del potere!”.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it