Primo stop in campionato per la Lube, all’Eurosuole Forum passa Perugia (0-3)

Primo stop in campionato per la Lube, all’Eurosuole Forum passa Perugia (0-3)

CIVITANOVA MARCHE – E’ della Sir Safety Perugia il big match della 4ª di andata della Regular Season di SuperLega Credem Banca. Gli umbri di Lorenzo Bernardi, privi di Max Colaci bloccato da un problema muscolare (al suo posto ha giocato Piccinelli), fanno la voce grossa nel tutto esaurito dell’Eurosuole Forum di Civitanova Marche, rifilando alla Cucine Lube di Giampaolo Medei la prima sconfitta stagionale in campionato, che arriva con un secco 0-3 (22-25, 16-25, 18-25)

La partita

Il primo set della sfida si decide dai nove metri. E’ infatti con il servizio (addirittura 5 gli ace nel parziale!) che la squadra di Bernardi prima spegne ogni tentativo di fuga dei padroni di casa (da 8-4 per la Lube a 8-8 con la battuta di Lanza), e poi pigia sull’acceleratore con Wilfredo Leon (7 punti, 57% in attacco), autore dei due ace con cui la Sir balza sul 23-20 a proprio favore. Medei prova il doppio cambio nella diagonale d’attacco, ottenendo però soltanto l’ace del palleggiatore belga D’Hulst che riporta momentaneamente la Lube a -1 (22-23). Finisce 25-22 per gli ospiti, dopo un attacco out di Leal.

Non cambia la musica nel secondo parziale, in cui Perugia continua a farla da padrone della situazione, forte del suo servizio (altri 5 ace) che fa perentoriamente scattare l’allarme rosso nella seconda linea avversaria. Sir avanti 7-2 dopo l’ennesimo ace di Leon, a tratti devastante anche sugli attacchi di palla alta (5 punti, inclusi 2 ace). La Lube? Sbaglia troppo dai nove metri, fatica altrettanto in attacco: 8 gli errori punto, da aggiungere agli 11 del set precedente. E non riesce a riportare la testa fuori dall’acqua neppure quando, sul 10-18, Medei torna ad attingere a piene mani dalla panchina, prima inserendo Diamantini per Cester, quindi di nuovo spazio alla diagonale d’attacco D’Hulst-Cantagalli. Il set si chiude sul 25-16 per gli ospiti, che oltre a Leon trovano un punto di riferimento importante anche in Atanasijevic. Per lui 7 punti, con 3 ace.

Nel terzo set, infine, i vice campioni del mondo tengono botta fino a quota 13, e dopo il fallo a rete di Simon (sostituito da capitan Stankovic) che spedisce la Sir sul 16-13, depongono definitivamente le armi. Finisce 18-25, con Wilfredo Leon eletto Mvp dai giornalisti presenti. Il match del cubano si conclude con 21 punti nel tabellino, frutto di 15 attacchi vincenti su 24 (62%) e 6 ace.

Il tabellino 

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Sokolov 9, D’Hulst 1, Marchisio n.e., Juantorena 9, Massari, Stankovic, Diamantini 2, Leal 10, Sander n.e., Cantagalli 1, Cester 2, Simon 3, Bruno Rezende, Balaso (L). All. Medei.

SIR SAFETY PERUGIA: Piccinelli (L), Ricci 5, Gabriele n.e., Della Lunga, Seif, Leon 21, Lanza 7, Galassi, Atanasijevic 13, De Cecco, Podrascanin 5. All. Bernardi.

Arbitri: Sobrero (SV) – Venturi (TO).

Parziali: 22-25 (29’), 16-25 (28’), 18-25 (28’).

Note: spettatori 4287, incasso Euro 76688,16. Cucine Lube: battute sbagliate 16, ace 2, muri vincenti 2, 46% in attacco, 42% in ricezione (15% perfette). Sir Safety: battute sbagliate 14, ace 11, muri vincenti 7, 52% in attacco, 36% in ricezione (17% perfette).

Le interviste del dopo Lube-Perugia

Osmany Juantorena: “Perugia ha giocato meglio di noi, battendo benissimo e difendendo tanto, concretizzando in contrattacco. Complimenti a Leon che ha giocato una grande gara. Noi siamo partiti bene poi ci siamo incastrati in alcune situazioni ed eravamo tesi, non siamo riusciti ad esprimerci come volevamo, non siamo riusciti ad uscire dalla situazione di difficoltà. Questa sconfitta ci deve servire da lezione, penso che ognuno di noi dentro di sé sa benissimo cosa dovrà fare da domani in palestra: domenica già c’è un altro importante impegno con Trento”.

Giampaolo Medei: “La Sir ha meritato la vittoria con un’ottima prestazione sia in attacco sia in difesa, ma soprattutto con una battuta di altissimo livello. Ora guardiamo alla nostra parte, in tutti i parziali non abbiamo sfruttato occasioni semplici da gestire molto meglio e che ci avrebbero tenuto quanto meno più in partita. Siamo ancora lontani dal nostro potenziale, ci brucia e ci darà motivazioni per lavorare a arrivare al livello di gioco che vogliamo esprimere”.

Tsvetan Sokolov: “Complimenti a Perugia, che ha giocato veramente bene. Da domani torniamo in palestra per lavorare e per pensare già a Trento, stasera abbiamo giocato male e riflettiamo sui nostri errori. La partita è passata e ora guardiamo avanti, il futuro ci mette davanti un’altra gara molto difficile contro i trentini, sgombriamo la testa e pensiamo a giocare meglio”.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it