I cantori pesaresi tra i protagonisti nella Basilica Papale di Santa Maria degli Angeli di Assisi nel nome di San Francesco

I cantori pesaresi tra i protagonisti nella Basilica Papale di Santa Maria degli Angeli di Assisi nel nome di San Francesco

ASSISI – Si è svolto nella Basilica Papale di Santa Maria degli Angeli in Assisi, il convegno nazionale Scholae Cantorum, promosso dall’Associazione italiana Santa Cecilia. Più di 1000 cantores provenienti da varie città italiane, i più lontani da Cagliari e Alessandria, si sono radunati nella monumentale Basilica che in questi giorni in occasione del 4 ottobre, festa di San Francesco, è gremitissima di fedeli, per pregare nei luoghi francescani lì custoditi: la Porziuncola, e la cappella del Transito. E’ stata una giornata di fede e musica, come piaceva a San Francesco.

Il vescovo di Assisi monsignor Sorrentino, nella messa pontificale da lui presieduta, ha infatti ricordato come il santo negli ultimi giorni di vita terrena, pur essendo in condizioni fisiche terminali, cantava giorno e notte.

Tra le scholae che hanno partecipato all’incontro erano presenti anche un nutrito gruppo di pesaresi che compongono il Coro Polifonico “San Luigi Gonzaga” e il Coro della Parrocchia di Santa Maria della Scala (Coro del Porto), guidati dal maestro Simone Baiocchi, uno dei musicisti più preparati a livello nazionale, che recentemente ha vinto il primo premio della sesta edizione del Concorso di composizione “In memoriam…..Joannis XXIII’’ e che venerdì 12 ottobre verrà premiato nel Santuario di San Giovanni XXIII a Sotto il Monte (BG).
Imponente l’esecuzione degli oltre mille cantori che hanno gremito la basilica fino agli ultimi posti. Le Scholae Cantorum sono state dirette dal maestro Michele Manganelli, mentre il canto dell’assemblea e cori ad una voce diretti dal maestro padre Maurizio Verde,ofm.

Organista il maestro Marco Di Lenola. Sono state eseguite bellissime musiche liturgiche che hanno accompagnato la concelebrazione eucaristica: le muische gregoriane, il famoso Ave verum di Mozart, il Gloria e Sanctus di Terenzio Zardini ofm, il Cantate Domino di Pitoni, la Salve Mater di Jaeggi e Cantantibus organis di Domenico Bartolucci e le altre composizioni di maestri viventi come Valentino Donella, Michele Manganelli e lo splendido Alleluia del maestro Simone Baiocchi.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it