Approvato dal Cipe il progetto definitivo del terzo e quarto lotto della Pedemontana

Approvato dal Cipe il progetto definitivo del terzo e quarto lotto della Pedemontana

Il presidente Ceriscioli: “Arteria strategica per l’entroterra, comincia a delinearsi la conclusione temporale dell’intervento”

ANCONA – “Inizia a delinearsi una visione, anche temporale, della conclusione dei lavori di realizzazione delle Pedemontana: arteria strategica per lo sviluppo economico dell’entroterra e per l’opportunità offerta ai territori interessati di collegarsi con la grande viabilità nazionale”. È quanto afferma il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, dopo che, ieri sera, il Comitato interministeriale per la programmazione economica (Cipe) ha approvato il terzo e quarto lotto della Pedemontana: la strada di collegamento tra le Statali 76 della Val d’Esino e la 77 della Val di Chienti, coprendo la tratta da Fabriano a Muccia. Nella stessa seduta, il Cipe ha anche deliberato la destinazione dei fondi (circa 10 milioni di euro) sulla variante 6 della SS76.

“La realizzazione della Pedemontana, per le Marche, risulta strategica – continua il presidente – È un’arteria che si snoda per 35,3 km di percorso montano, del valore di 339 milioni. Gli ultimi due lotti approvati, che sono quelli finali, valgono 159 milioni. Le risorse per ultimare l’intervento sono disponibili e i tempi di realizzazione cominciano a delinearsi nella loro interezza, superando tutte le difficoltà del passato. Il primo tratto (Fabriano-Matelica) è in costruzione e quasi ultimato, il secondo (Matelica-Castelraimondo) ha avuto la consegna dei lavori, mentre gli ultimi due hanno visto, come detto, l’approvazione definitiva del progetto. Abbiamo quindi, per la prima vota, una continuità degli interventi sull’intero tracciato e possiamo procedere, in maniera organica, con quanto stabilito negli ultimi cronoprogramma”.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it