Passione per il mare e tanta amicizia: i velisti di ieri si sono ritrovati al porto turistico di Ancona

Passione per il mare e tanta amicizia: i velisti di ieri si sono ritrovati al porto turistico di Ancona

di MASSIMO CORTESE

ANCONA – Nella mattinata di giovedì 9 agosto 2018 ho assistito ad una manifestazione molto bella, in quanto è andata in scena la passione, e nel nostro caso la passione per la vela, che supera le distanze e molte altre cose. Grazie all’amicizia e alle odierne opportunità di comunicazione, è stata organizzata una regata dei “Velisti di ieri” iscritti alla “Società Educazione fisica Stamura”.

Il gesto è iniziato alle ore 9.30 con una breve riunione, nel corso della quale Nino Lacerra, dopo aver comunicato le modalità tecniche di svolgimento della regata, ha raccontato di alcuni amici che, impossibilitati a partecipare al ritrovo, affermavano di sentirsi onorati per avere ricevuto l’invito.

Alla riunione è intervenuta la Presidente della società Stamura Donatella Montanari, che ha ringraziato i partecipanti con un intervento che si apriva con queste poche ma commoventi parole: “Voi rappresentate la storia della Stamura”. Per la regata sono state utilizzate le imbarcazioni “Optimist” con le quali bambini e ragazzi vengono iniziati alla pratica velistica, ma pur sempre finalizzate all’agonismo. In fondo, con l’avanzare dell’età si ridiventa bambini: in effetti, da lontano, i nostri velisti, non per caso ma per passione, sembravano bambini, come ha esclamato accanto a me una spettatrice.

Riguardo alla regata vera e propria, vi hanno partecipato sette uomini e una donna, a dimostrazione che anche nel passato la passione per la vela non è stata appannaggio dei soli maschietti. La regata si è svolta in due prove: alla prima prova le barche sono state assegnate mediante sorteggio, mentre alla seconda il primo arrivato ha scambiato la propria barca con l’ultimo concorrente, il secondo con il penultimo e via di seguito.

Ecco i risultati finali, distinti in prima prova, seconda prova e classifica generale.

Prima prova: 1- Daniele Marzioni; 2- Guido Cortese; 3- Roberto Santucci; 4- Felice Lacerra; 5- Giovanni Tricarico; 6- Susanna Pelizza; 7- Giorgio Pavani; Rit. Roberto Cecili. Seconda prova: 1- Roberto Santucci; 2- Felice Lacerra; 3- Daniele Marzioni; 4- Guido Cortese; 5- Susanna Pelizza; 6- Roberto Cecili 6; Rit. Giorgio Pavani e Giovanni Tricarico. La classifica generale è risultata la seguente: 1- ex aequo: Roberto Santucci e Daniele Marzioni (punti 4); 3- ex aequo: Guido Cortese e Felice Lacerra (punti 6); 5- Susanna Pelizza (punti 11); 6- Giovanni Tricarico (punti 14); 7- Roberto Cecili (punti 15); 8- Giorgio Pavani (punti 16).

Come si conviene ad una gara, non poteva mancare la premiazione.

L’evento si è concluso con l’immancabile momento conviviale, nel corso del quale tutti hanno fatto promessa solenne di incontrarsi di nuovo, insieme a coloro che per le più svariate ragioni non hanno potuto partecipare alla regata dei velisti di ieri, pur essendo presenti con il cuore. I regatanti hanno infine ringraziato e applaudito coloro che hanno reso possibile l’evento, ed in particolare il “Comitato di Regata” costituito da Nino Lacerra, la “Giuria” costituita da Guido Fariello, e “L’assistenza in mare” costituita dal giovane Stefano Giudici (anni 11), discendente del regatante Roberto Santucci.

(Le fotografie sono di Gabriele Cavazzoni)

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it