In  mostra a Sirolo le opere di Salvatore Balsamo, uno dei maggiori artisti contemporanei italiani

In  mostra a Sirolo le opere di Salvatore Balsamo, uno dei maggiori artisti contemporanei italiani

SIROLO – Fino a venerdì 31 agosto a Sirolo, presso il Circolo Culturale, sono in  mostra le opere di Salvatore Balsamo, uno dei più grandi artisti contemporanei italiani.

In considerazione del successo della mostra abbiamo intervistato il Maestro Salvatore Balsamo.

—————————–

di ANNETTE VON BIEBER

  • Signor Balsamo, è la sua prima visita nelle Marche?

Si è la prima volta che vengo a esporre qui le mie opere

  • Signor Balsamo, come si è avvicinato all’Arte?

Mi sono avvicinato all’Arte molto casualmente ma è un dono che mi appartiene sin dalla più tenera età. Purtroppo in età non matura non mi rendevo conto delle potenzialità che avevo nel disegnare e consideravo questo talento un fatto del tutto normale.

  • Che cosa rappresenta per lei il disegno?

Per me è un hobby che sta assumendo un ruolo sempre più importante nella mia vita. Da semplice passatempo sta assurgendo al ruolo di attività sempre più significativa.

  • Lei disegna benissimo…ha avuto anche altri approcci all’arte, utilizzando altre tecniche?

Grazie! Non ho mai sperimentato altre forme d’arte ma ho sempre prediletto il disegno a matita per esternare i miei sentimenti e interpretare le immagini che ritenevo più interessanti. Matita e grafite sono le tecniche che maggiormente utilizzo nella realizzazione delle opere.

  • Come coglie i suoi soggetti?

Tramite foto, web o dal vivo selezionando i volti che reputo più interessanti. Spesso, anche per strada, noto dei visi interessanti che riporto poi su carta. I particolari più significativi rimangono impressi nella mia mente…e su questi, poi, lavoro.

  • I suoi lavori sembrano evidenziare una parte personale di ogni soggetto, o meglio solo alcuni dettagli…come mai alcune sue opere risultano incomplete?

Perché da alcune immagini cerco di estrapolare solo l’aspetto che maggiormente mi ispira, tralasciando ciò che non attrae la mia attenzione, lasciando spesso alla fantasia dell’interlocutore il compito di percepire a fondo il significato dell’opera.

  • Come realizza materialmente le sue opere? Quali sono gli steps che segue?

Non seguo uno schema ben preciso per la realizzazione delle opere. Per ogni soggetto che intendo rappresentare, parto da un particolare che reputo più interessante (di soliti dagli occhi) e procedo con il disegno, non eseguo quadrature del foglio o dimensionamenti…il tutto nasce molto liberamente.

  • Quali sono i soggetti che predilige?

Di solito sono attratto dai volti delle persone anziane che, con le loro rughe hanno molto da dire. Le loro espressioni sono il segno del tempo che scorre e rappresentano il normale cammino dell’umana esistenza.

  • Come crede evolverà la sua arte?

Non mi pongo limiti e lascio tutto al destino e a ciò che riserva il futuro. Non ho piani ben precisi per il futuro artistico, ritengo che già il disegno di per sia fonte di continua crescita e arricchimento.

  • Grazie mille…allora speriamo di riaverla presto con noi….

Grazie a voi…sicuramente! A presto!

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it