Sorprendente successo dell’Ancona Beat Festival al porto antico di Ancona con il concerto di Ricky Gianco

Sorprendente successo dell’Ancona Beat Festival al porto antico di Ancona con il concerto di Ricky Gianco

di VINCENZO PREDILETTO

ANCONA – Parte alla grande nella suggestiva ed ammaliante cornice del porto antico di Ancona la seconda serata dell’Ancona Beat Festival -2^ edizione – con il gradito ed applaudito concerto del simpatico Ricky Gianco, premiato peraltro con un riconoscimento a sorpresa, dopo le esibizioni dei complessi Ambaradan, Gioia Iacopetti della Naiadi e Piero D’Agostino, Lisa Beat ed i Bugiardi . Intervistato e sollecitato dall’amico romano Claudio Scarpa a precisare meglio con le sue parole alcuni fatti ed aneddoti circa i suoi rapporti a Londra coi Beatles e a Milano con Adriano Celentano quando faceva parte del Clan, Ricky ha sfornato  con la sua voce inconfondibile dal timbro penetrante  una decina di motivi ancora famosi ed orecchiabili, beat, rock e melodici. I presentatori dell’evento, Mario Cacciani ed Eleonora Bedini, hanno dato pure spazio all’intervento del referente IOM Ancona – Marche, Adriano Celani, che ha messo a fuoco nel suo breve discorso l’importanza della beneficenza, invitando i presenti ad una generosa offerta o donazione all’Istituto da sostenere concretamente nella sua attività solidale prettamente volontaristica. E’ stato invitato sul palco a ricevere una speciale targa alla carriera – Premio Ancona Beat 2018- l’intramontabile Roberto Bob Bacchiocchi che ha poi eseguito due canzoni. A chiudere la magica serata all’insegna della musica Beat ci ha pensato Gene Guglielmi – direttore artistico – affiancato da uno degli ideatori ed organizzatori del Festival – Stefano Spazzi – deliziando gli spettatori col suo famosissimo cavallo di battaglia del 1966-67 “I capelli lunghi”. Prima di ringraziare gli organizzatori, gli sponsor e soprattutto il Comune di Ancona e l’Autorità portuale per la disponibilità e la generosità nell’aver consentito lo svolgimento del Festival in una sede naturale deliziosa ed artisticamente coinvolgente, Gene Guglielmi ha presentato al pubblico il nuovo vinile LP – uscito il giorno prima –
“La vita è un sogno”. Tutti gli artisti, gli ospiti ed i complessi hanno salutato insieme sul palco il numeroso pubblico prestandosi prima alle foto di gruppo e poi a qualche autografo.
E’ stata davvero una serata musicale indimenticabile sotto il segno sempre rivoluzionario ed attuale della Cultura Beat.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: