“Bene al porto di Ancona la razionalizzazione delle aree di sosta dei Tir”

“Bene al porto di Ancona la razionalizzazione delle aree di sosta dei Tir”

Confartigianato Trasporti ha incontrato l’Autorità portuale. Crescono i problemi di viabilità e sosta in Via Mattei. Servono provvedimenti urgenti

ANCONA – Una delegazione di Confartigianato Trasporti, guidata dal segretario Gilberto Gasparoni e composta dai rappresentanti dei consorzi di autotrasporti, ATS, CAF, CONSAR e dalla ditta Tiberi Trasporti impegnata anche nei trasporti internazionali, ha incontrato  il presidente Rodolfo Giampieri  il segretario avv Matteo Paroli con il suo staff tecnico per esaminare i principali problemi che pesano sull’autotrasporto e sulla logistica nel porto di Ancona.

Confartigianato Trasporti ha rivendicato una manutenzione delle strade interne al porto che sono oggi pericolose ed impercorribili, l’individuazione di nuovi parcheggi per vetture e tir con la realizzazione di un nuovo piano viabilità e parcheggi che superi le scelte occasionali effettuate fino ad oggi, il finanziamento dell’AP per interventi di manutenzione sulla rete stradale, l’avvio delle procedure per un nuovo piano regolatore del Porto, la realizzazione dell’uscita a nord, bay passando le Torrette. Inoltre importante è rendere il porto di Ancona più competitivo ed attrattivo per incrementare il traffico merci. Importante è stata per gli operatori la comunicazione della firma del contratto con l’azienda che provvederà all’abbattimento dell’incompiuta presente alla nuova darsena consentendo l’acquisizione di nuovi spazi (10.000 mq) per lo stoccaggio dei contenitori; lavori che si concluderanno entro settembre con la messa a disposizione della nuova area.

Altrettanto importante il progetto di razionalizzazione delle aree dedicate alla sosta dei Tir anche in transito con il riutilizzo dello scalo Marotti, delle aree retrostanti la ex fiera e del triangolone presente sempre in zona fiera. In questo progetto di riorganizzazione sono previsti nuovi uffici per le sedi delle imprese di trasporto con possibilità di far sostare anche i TIR per brevi periodi, consentendo una delocalizzazione di alcune imprese ubicate sulla Via Mattei molto intasata di veicoli leggeri.  Confartigianato Trasporti e Logistica ed i dirigenti dell’AP hanno rivendicato all’unisono la necessità di realizzare il collegamento a nord anche in considerazione che il Porto per essere il casello dell’autostrada del mare deve avere una grande viabilità di collegamento con l’A14 e questo sarà possibile solo realizzando l’uscita a nord.

Oggi ciò potrebbe essere possibile per il progetto della riprofilatura della costa a nord, consegnato al Comune con la nuova scogliera a mare di protezione del nuovo litorale onsentendo il rifacimento anche della linea ferroviaria.  Dalla discussione che ne è seguita anche per gli impegni assunti dai rappresentanti dell’AP è emerso un giudizio positivo sui progetti in essere che vanno integrati con soluzioni concrete sui gravi problemi di sosta e viabilità per i TIR sulla Via Mattei che crea forti e continui disagi.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it