Barbaresi (Cgil Marche): “Il rapporto di Bankitalia conferma che il sistema produttivo marchigiano è fragile”

Barbaresi (Cgil Marche): “Il rapporto di Bankitalia conferma che il sistema produttivo marchigiano è fragile”

ANCONA – “L’indagine sull’economia delle Marche, presentata di Bankitalia,  è la conferma che il sistema produttivo marchigiano presenta ancora elementi di forte fragilità. Un sistema produttivo che, per troppo tempo  ha cercato di competere sul contenimento dei costi a partire dal costo del lavoro anziché puntare su una competitività basata su investimenti, innovazione, tecnologia, qualità e produttività”. E’ quanto dichiara Daniela Barbaresi, segretaria generale Cgil Marche,  commentando il rapporto di Bankitalia presentato oggi ad Ancona.

“Per questo – aggiunge –  bisogna puntare sulla qualità del lavoro e sulle competenze che quest’ultimo può esprimere.  Le imprese devono assumersi la responsabilità di ripartire dal lavoro, stabile e di qualità, rilanciare l’occupazione e investire in innovazione dei processi e dei prodotti. In tal senso, occorre superare il peso della precarietà e dei part time involontari che, negli utimi anni, specie nelle Marche, ha assunto tra i livelli più alti d’Italia”

 Per  Barbaresi “è anche urgente intervenire sulla questione salariale e, attraverso la contrattazione, da quella nazionale  a quella decentrata,  sostenere la crescita dei salari e della produttività, che però non è solo il frutto del fattore lavoro e non è solo dipendente da fattori esterni all’impresa ma anche da infrastrutture, energia e  territorio. Se di qualità del lavoro si tratta, è da qui che è necessario muoversi”.

Occorre ricordare, infine, che “i  livelli salariali nella regione sono, complessivamente, troppo bassi, soprattutto se raffrontati a quelli delle altre regioni del Centro e, più in generale, di quelli medi nazionali”.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: