“Giornate nazionali dei Castelli”: nelle Marche scelta Caldarola

“Giornate nazionali dei Castelli”: nelle Marche scelta Caldarola

Nella nostra regione l’iniziativa è in programma domenica 20 maggio

CALDAROLA – Si terranno i prossimi 19 e 20 maggio in tutta Italia le Giornate nazionali dei Castelli.

Organizzata dall’Istituto Italiano dei Castelli, con il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, l’iniziativa giunge alla sua ventesima edizione ed in questi anni ha fatto conoscere, riscoprire e visitare da tante persone fortezze, rocche ed intere città fortificate del nostro Paese.

Anche quest’anno in ogni regione è stato dunque individuato un sito di particolare interesse storico e culturale, che potesse rappresentare al meglio questo settore dell’architettura di enorme importanza nel nostro Paese.

La scelta fatta dalla Sezione Marche dell’Istituto si distingue tra le altre per il suo forte valore simbolico: è stato infatti deciso di porre l’attenzione su Caldarola, bel paese della provincia di Macerata pesantemente segnato dal sisma che alcuni mesi fa ha colpito il Centro Italia. Caldarola è caratterizzata dal suggestivo Palazzo Pallotta, attualmente in fase di restauro dopo il terremoto e quindi visibile solo dall’esterno, per il resto – grazie all’organizzazione messa in atto dal Sindaco Luca Maria Giuseppetti, con la collaborazione dell’ingegner Vitale Grisostomi Travaglini del direttivo della Sezione Marche dell’Istituto – saranno organizzate delle visite ad altri siti di particolare interesse. Date le difficoltà per porre in assoluta sicurezza un’area così particolare, la visita sarà però limitata alla mattina di domenica 20 maggio, dalle ore 11 alle 13.

Un segnale di solidarietà e vicinanza, dunque, a tutta la zona della nostra regione che ha pagato un tributo altissimo ma che ora sta facendo il possibile per rialzarsi e ripartire. E, in questo senso, le Giornate Nazionali dei Castelli possono portare un evidente contributo, visto che sui luoghi interessati verrà posta attenzione anche da parte dei media nazionali.

“Questa ventesima edizione delle Giornate dei Castelli – spiega il Presidente della Sezione Marche Marco Grandi – si inquadra pienamente in quella spinta che l’Italia deve dare al turismo culturale, una risorsa di grande importanza con la quale il nostro Paese può e deve valorizzare il suo immenso patrimonio storico, per rendersi sempre più appetibile ad un turismo mondiale alla continua ricerca di bellezze naturali, artistiche ed architettoniche. Aver coniugato questo obiettivo con la solidarietà verso una terra così fortemente ferita, è per noi motivo di soddisfazione.”

Appuntamento aperto a tutti, dunque, a Caldarola per domenica 20 maggio. Per tante, buone ragioni.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it