Caldarola protagonista delle Giornate nazionali dei castelli

Caldarola protagonista delle Giornate nazionali dei castelli

Il sindaco Luca Maria Giuseppetti ha personalmente guidato la visita

CALDAROLA – Giornata speciale per Caldarola, bel paese della Provincia di Macerata con meno di duemila abitanti che da quasi due anni deve convivere quotidianamente con le ferite – e le relative difficoltà, sotto ogni aspetto – lasciate dal terremoto del 2016.

Caldarola è stata infatti scelta dalla Sezione Marche dell’Istituto Italiano dei Castelli per rappresentare la nostra Regione nella ventesima edizione delle “Giornate Nazionali dei Castelli”, che lo stesso Ente organizza annualmente con il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Per un giorno, quindi, luci puntate su questo splendido angolo delle Marche, autentico scrigno ricco di testimonianze storiche ed artistiche, purtroppo fortemente lesionate dal sisma.

Ad accogliere i visitatori, il sindaco Luca Maria Giuseppetti: in un incontro presso la struttura provvisoria dove attualmente hanno sede gli uffici comunali, il primo cittadino ha innanzi tutto ringraziato l’Istituto per l’attenzione mostrata verso Caldarola, spiegando poi – non senza una punta di commozione – le vicissitudini ed i tanti problemi cui l’Amministrazione deve costantemente far fronte. “Dopo un primo periodo di grande attenzione mediatica – ha detto il Sindaco – piano piano le luci si spengono e si corre il rischio di venire dimenticati. Il riflettore che avete acceso oggi su Caldarola è per noi molto significativo.”

“La scelta di Caldarola – ha risposto il presidente della Sezione Marche dell’Istituto Italiano dei Castelli, Marco Grandi – è un segno con il quale abbiamo voluto testimoniare la nostra vicinanza a questi luoghi così pesantemente colpiti. Senza dimenticare la bellezza e l’importanza storico – architettonica dei monumenti qui presenti.”

Lo stesso Sindaco Giuseppetti ha poi personalmente guidato una visita con le tante persone presenti nel centro storico che è, ancora oggi, “zona rossa”. Con i segni impressi dal terremoto ancora ben visibili, soltanto dall’esterno si è potuto ammirare in particolare lo storico Castello Pallotta, edificato intorno alla metà del IX secolo e successivamente modificato a fine Cinquecento per volontà del Cardinale Evangelista Pallotta, esponente di primo piano di una famiglia estremamente influente per la sua vicinanza con il Vaticano che – grazie al suo mecenatismo – ha reso Caldarola un centro di grande interesse, riportando quello stile rinascimentale che ha trasformato il paese a modello della Roma Sistina.

Tanti gli apprezzamenti da parte dei visitatori, nonostante i tempi e gli spazi limitati per motivi di sicurezza. Con le “Giornate Nazionali dei Castelli” che si confermano ancora come un momento di grande interesse storico, artistico, culturale e turistico.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it