“Arrivederci, arancione” è il romanzo di esordio di Iwaki Kei

“Arrivederci, arancione” è il romanzo di esordio di Iwaki Kei

“Arrivederci, arancione” è il romanzo di esordio di Iwaki Kei di TIBERIO CRIVELLARO

“Arrivederci, arancione” (E/O Edizioni) è il romanzo con cui esordisce  Iwaki Kei, quarantacinquenne giapponese trasferitasi in Australia. “impiegandosi” sia come “lettrice” universitaria sia lavorando come traduttrice. Non sarebbe del tutto costumanza per un recensore menzionare l’autrice che ha vinto inaspettatamente (nel 2013) il prestigioso Premio Dazai Ozamu e il ôe Kenzaburô l’anno successivo, (il suo romanzo  d’esordio pubblicato nel 2013: “Arrivederci, arancione” con la E/O Edizioni, è uscito in Italia solo in marzo di quest’anno), ma visto che è opera prima di successo ardisco a menzionare tali riconoscimenti. Romanzo di assoluta novità, è nel panorama giapponese contemporaneo in quanto si rivela un libro di grande apertura.

Rilevo che la pubblicazione citata è una toccante storia di amicizia trascendentale; “arte” difficile perché il connubio umanamente è difficile. La trama narra di Salima, rifugiata africana costretta a fuggire dal suo paese con marito (che quasi subito l’abbandonerà) e figli. E di Sayri che da poco ha partorito una bimba. Ella sogna di scriver un libro. Difficile impresa dato che in Australia dove l’integrazione è difficile soprattutto per la lingua. Parlare quel particolare inglese per farsi capire non è poi così scontato. Salima è analfabeta e l’amica Sayuri ha non poche difficoltà ad aiutarla. Le due donne attraverseranno difficili prove di vita. Riusciranno a vincere tali acredini che il nuovo Continente crea?

Saranno intelligenza e determinazione (con l’aiuto di una casalinga italiana. di un camionista dal cuore d’oro, di un’acuta insegante di inglese e di un professore di scrittura creativa a fornirle aiuto e quell’umanità utile all’obiettivo. Occorre dire che la prima esperienza letteraria di Iwaki Kei riesce magnificamente prosaica, perché la bella scrittura non ha confini.

IWAKI KEI

ARRIVEDERCI, ARANCIONE

E/O Edizioni

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it