Le figure femminili nei romanzi di Dostoevskij al centro a Pesaro di una riuscitissima conferenza 

Le figure femminili nei romanzi di Dostoevskij al centro a Pesaro di una riuscitissima conferenza 

PESARO – Sala storica della Società Operaia di Mutuo Soccorso piena di persone, per la prima conferenza sul tema “La donna e gli aspetti artistici” .

Dopo la presentazione del presidente del Soms dottor Emilio Melchiorri che ha evidenziato l’importante ruolo della donna nella Società operaia di mutuo soccorso, il giornalista ed addetto culturale dell’Associazione, Paolo Montanari è entrato nel vivo della conferenza, che aveva come titolo: IL RUOLO DELLA DONNA: ASPETTI RELIGIOSI NELL’OPERA DI DOSTOEVSKIJ – LA FIGURA DI SONIA NEL ROMANZO DELITTO E CASTIGO, poi svolta dal prof.Giovanni Ghiselli.

Per Montanari le figure femminili nei romanzi di Dostoevskij hanno soprattutto un ruolo salvifico, ma anche talvolta di dannazione. Montanari ha preso ad esempio donne tratte da Il Giocatore, Umiliati ed offesi, i fratelli Karamazov, i Demoni . Il prof. Ghiselli, di formazione classicista ha creato nella sua esposizione una comparazione di donne dei romanzi definiti teologici di Dostoevskij, per la sua tormentata rcirca di Dio, con le figure femminili della tragedia greca. L’attore urbinate Roberto Rossini ha letto con molta intensità interpretativa alcune pagine da Delitto e castigo, in particolare la figura di Sonia che avrà un ruolo di redenzione e ripensamento nel delitto di Raskolnikov.

(Le foto sono di Adamo Sanchini)

 

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it