Al Teatro Sperimentale di Ancona toccante rappresentazione di “Un’altra Sofia”

Al Teatro Sperimentale di Ancona toccante rappresentazione di “Un’altra Sofia”

di MASSIMO CORTESE

ANCONA – La Compagnia Creativa del Liceo Galilei di Ancona ha portato in scena “Un’altra Sofia”, opera teatrale scritta e diretta da Alessio Baldelli. Con quarantacinque tra studentesse e studenti che sono stati coinvolti nel progetto teatrale, l’opera ha visto una vera e propria recitazione interrotta da numerosi inserti musicali, alla presenza di batteristi, bassisti, tastieristi, chitarristi, una suonatrice di arpa, un complesso di fiati e il coro.

La vicenda è semplice: una ragazzina, iniziata dai genitori ad una setta segreta, a poco a poco prende consapevolezza dell’isolamento che vive e decide di confidarsi con un amico. La sua confessione darà vita a tutta una serie di colpi di scena, che porterà a conseguenze facilmente immaginabili. Varie le corde toccate: l’eterna lotta tra bene e male, il dualismo tra la parola data e la libertà, la voglia di vivere e l‘ineluttabilità delle scelte fatte. Alcuni momenti sono stati veramente commoventi, ma è il Gruppo ad essere emerso nella sua totalità.

La delicatezza e il garbo con cui è stata scritta l’opera non ha mai fatto venir meno, nello spazio di un’ora e mezzo, l’attenzione del pubblico, affascinato da una certa tensione che è la cartina tornasole di un meritato successo. Con “Un’altra Sofia” si conclude la Trilogia, preceduta, negli anni scorsi, dalle opere “Io, Me e Quell’altro in Me” e “Al di là della Musica”: il regista Alessio Baldelli, genio e sregolatezza, come ben si conviene agli artisti, non ha mancato di ringraziare il Comune di Ancona per il patrocinio, le docenti Silvia Pascucci e Danila Saracini per averlo sopportato, la Dirigente scolastica Annarita Durantini e suo cugino Marcello Lunardi che ha dato forma e colore allo spettacolo.

In conclusione, è stato un bel momento di recitazione, curato con il cuore.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it