Il dolore di Corinaldo e Ostra Vetere per la tragica morte del piccolo Florin

Corinaldo e Ostra Vetere piangono in silenzio il piccolo Florin

Il dolore di Corinaldo e Ostra Vetere per la tragica morte del piccolo Florin

Sarà l’inchiesta, avviata dalla Procura della Repubblica di Ancona, a chiarire fino in fondo ciò che è accaduto domenica pomeriggio nell’area esterna del frantoio corinaldese dove il bambino ha perso la vita dopo essere caduto in un pozzo-cisterna per la raccolta dei residui della lavorazione delle olive

Corinaldo e Ostra Vetere piangono in silenzio il piccolo FlorinCorinaldo e Ostra Vetere piangono in silenzio il piccolo FlorinCorinaldo e Ostra Vetere piangono in silenzio il piccolo FlorinCorinaldo e Ostra Vetere piangono in silenzio il piccolo FlorinCorinaldo e Ostra Vetere piangono in silenzio il piccolo FlorinCorinaldo e Ostra Vetere piangono in silenzio il piccolo Florin

CORINALDO – Doveva essere un pomeriggio diverso, per quel bimbetto di cinque anni che, domenica, aveva accompagnato il papà e la zia, a Corinaldo, dalla vicina Ostra Vetere, con un carico di olive da trasformare in olio. Invece, poco dopo, si è consumata una tragedia, per certi versi incomprensibile. Che solo l’inchiesta, avviata dalla Procura della Repubblica di Ancona, cercherà di chiarire fino in fondo.

Di certezza, al momento, ce n’è infatti soltanto una: la morte di Florin Petru Strambu, un bel bambino di Ostra Vetere, con genitori di origine rumena.

La tragedia si è verificata nel tardo pomeriggio di domenica, poco dopo le 18, nell’area esterna del Frantoio Brignoni, alla periferia di Corinaldo.

Per cause al vaglio dei magistrati della Procura della Repubblica di Ancona, ai quali i carabinieri della Stazione di Corinaldo, subito intervenuti sul posto, insieme ai colleghi della Compagnia di Senigallia, hanno già inviato un primo dettagliato rapporto, il bimbo è caduto in un pozzo-cisterna, profondo più di quattro metri, utilizzato per la raccolta dei residui della lavorazione delle olive.

L’allarme è stato immediato, così come i soccorsi. Ma per tirar fuori il bimbo dal pozzo sono dovuti intervenire i vigili del fuoco del nucleo sommozzatori. Poi, purtroppo, c’è stata soltanto l’inutile corsa di un’ambulanza verso il pronto soccorso dell’ospedale di Senigallia.

A ventiquattr’ore di distanza va anche ricordato che uno dei primi soccorritori, nel tentativo di tirar fuori il piccolo, è stato colto da malore, a causa delle forti esalazioni provenienti dall’interno del pozzo-cisterna.

Ed ora due città, Corinaldo e Ostra Vetere, in lutto per questo inaudito ed incomprensibile fatto di cronaca che ha tolto la vita ad un bimbo di appena cinque anni, si fermano per riflettere.

Una vicenda tristissima che, purtroppo, riporta la mente di tanti – soprattutto dei meno giovani – alla tragedia di Vermicino, del giugno 1981, in cui perse la vita il piccolo Alfredino Rampi.

Nelle foto: il piccolo Florin Petru Strambu; l’area esterna del Frantoio Brignoni, a Corinaldo, nel corso di un nuovo sopralluogo dei carabinieri (dietro le transenne il pozzo-cisterna dove, domenica pomeriggio, è caduto il bambino) e l’ingresso del pronto soccorso dell’ospedale di Senigallia

————————-

PER SAPERNE DI PIU’

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it