Anche nelle Marche il concorso di educazione ambientale dedicato alla salvaguardia delle tartarughe marine che premia le scuole

Anche nelle Marche il concorso di educazione ambientale dedicato alla salvaguardia delle tartarughe marine che premia le scuole

ANCONA – Il Mare Adriatico è un bacino ad altissima presenza di tartarughe marine. E proprio in quest’area le catture realizzate in maniera accidentale dalla pesca professionale sono piuttosto numerose, pertanto è essenziale informare e sensibilizzare cittadini e pescatori sull’importanza della salvaguardia delle tartarughe marine, specie fondamentale per la biodiversità e l’ecosistema marino.

Da qui la scelta di coinvolgere le scuole della Regione Marche nello “Scopri-Tarta”, il concorso di educazione ambientale previsto dal progetto “Tartalife – Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale”, finanziato dalla Commissione Europea attraverso i fondi LIFE.

L’Istituto di Scienze Marine del CNR-ISMAR di Ancona, ente capofila del progetto, ha deciso infatti di replicare nelle scuole marchigiane l’attività ludico educativa già svolta con successo in Sicilia nel biennio 2015/2017 dal Libero Consorzio Comunale di Agrigento, dove l’iniziativa ha visto la partecipazione di decine di scuole con il concreto coinvolgimento di centinaia di alunni e docenti.

Lo Scopri-Tarta prevede un percorso di formazione per docenti e alunni volto in particolare a comprendere le problematiche legate alla conservazione della tartaruga marina e più in generale alla salvaguardia dell’ambiente marino. I docenti parteciperanno a giornate formative durante le quali saranno consegnati il manuale didattico per i docenti e il gioco da tavolo “Scopri-Tarta”, ideato per guidare gli studenti in un divertente percorso educativo. Inoltre, è prevista una giornata di approfondimento in ogni provincia riservata ai docenti che parteciperanno al concorso e l’attivazione di un help desk che fornirà informazioni e supporto didattico ai partecipanti, curati dalla Fondazione Cetacea di Riccione, che ha un’esperienza più che ventennale nella cura e riabilitazione delle tartarughe marine.

Ogni classe iscritta sarà poi chiamata a realizzare un elaborato finale che sarà valutato da un’apposita Commissione. Per i vincitori sono previsti premi utili a migliorare l’attività didattica in aula e gadget per gli alunni.

Nelle Marche, il concorso rivolto alle scuole primarie e secondarie di primo grado (classi 3^, 4^ e 5^ della Scuola Primaria e delle classi 1^, 2^ e 3^ della Scuola Secondaria), sarà curato dal Libero Consorzio Comunale di Agrigento in collaborazione con il CNR-ISMAR di Ancona e la Fondazione Cetacea di Riccione.

Le domande di adesione al concorso per l’anno scolastico 2017/2018 dovranno pervenire entro il 20 ottobre 2017 tramite scheda di partecipazione allegata al bando scaricabile anche dal sito www.tartalife.eu da inviare all’indirizzo e-mail: ambiente@provincia.agrigento.it oppure al numero di fax 0922593584.

Il bando, con i relativi allegati, è consultabile sul sito www.tartalife.eu e sulla pagina facebook del progetto.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it