PESARO / Una serata magica a Rocca Costanza con 500 tangheri provenienti da tutta Europa

PESARO / Una serata magica a Rocca Costanza con 500 tangheri provenienti da tutta Europa

PESARO / Una serata magica a Rocca Costanza con 500 tangheri provenienti da tutta Europa PESARO / Una serata magica a Rocca Costanza con 500 tangheri provenienti da tutta Europa

PESARO / Una serata magica a Rocca Costanza con 500 tangheri provenienti da tutta Europa

PESARO / Una serata magica a Rocca Costanza con 500 tangheri provenienti da tutta Europa

PESARO / Una serata magica a Rocca Costanza con 500 tangheri provenienti da tutta Europa

PESARO / Una serata magica a Rocca Costanza con 500 tangheri provenienti da tutta Europa

PESARO / Una serata magica a Rocca Costanza con 500 tangheri provenienti da tutta Europa

PESARO / Una serata magica a Rocca Costanza con 500 tangheri provenienti da tutta Europa PESARO / Una serata magica a Rocca Costanza con 500 tangheri provenienti da tutta Europa PESARO / Una serata magica a Rocca Costanza con 500 tangheri provenienti da tutta Europa PESARO / Una serata magica a Rocca Costanza con 500 tangheri provenienti da tutta Europa PESARO / Una serata magica a Rocca Costanza con 500 tangheri provenienti da tutta Europa

PESARO / Una serata magica a Rocca Costanza con 500 tangheri provenienti da tutta Europa

di PAOLO MONTANARI

PESARO – Che passione il tango. In particolare la milonga  che è stata protagonista nelle prime due serate del Festival del Tango, tre giornate che avranno il momento clou questa sera con lo spettacolo Un tango per Rossini con musica dal vivo con il Tango Sonos, pianoforte, viola, bandoneon, musica adattata dal maestro Roberto Molinelli sui temi tratti dal Barbiere di Siviglia.

E sarà una prima mondiale e per la prima verrà arrangiata la musica di Rossini al tango e saranno accompagnati da valenti ballerini diretti dal grande ballerino argentino Sebastian Arce.

L’idea di questo concerto è proprio di Arce che, collegato con il regista napoletano Victor Carlo Vitale, porterà questo spettacolo nella suggestiva location di Rocca Costanza.

“Ho scritto questo testo, ha sottolineato Vicor, perché ho sempre desiderato ballare Rossini, sviluppando lo spettacolo dalla drammaturgia della milonga che ha un’origine africana al gioco musicale del Rossini comico. D’altra parte il tango è una improvvisazione della danza e concilia bene con la vitalità della musica rossiniana. Un successo di questa II edizione del Festival del tango, con 500 partecipanti provenienti da molte città italiane e dalla Spagna, Austria, dove nacque il bandoneon e Francia.

(Le foto sono di Adis Bacinovic)

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it