E’ partita la campagna di solidarietà per il San Bartolo devastato da un pauroso incendio

E’ partita la campagna di solidarietà per il San Bartolo devastato da un pauroso incendio

E’ partita la campagna di solidarietà per il San Bartolo devastato da un pauroso incendio

Disponibile in numerosissimi punti di Pesaro la cartolina di Alessandro Baronciani che permette a tutti di contribuire alla ‘rinascita’ del parco, simbolo della bellezza di questa terra

E’ partita la campagna di solidarietà per il San Bartolo devastato da un pauroso incendio

PESARO – E’ un ‘luogo del cuore’ per chi vive in questo territorio e per chi ci passa da turista e se ne innamora all’istante. Tutti amano il San Bartolo perché significa bellezza, per gli occhi e per lo spirito.

Lo ama moltissimo anche Alessandro Baronciani autore dell’illustrazione donata alla città, simbolo della campagna di solidarietà per il colle attaccato dal fuoco venerdì scorso. L’idea è di raccogliere fondi per far rifiorire il San Bartolo, perché torni a ‘vestirsi’ prima possibile della magnifica vegetazione della sua falesia. La campagna è promossa dai Comuni di Pesaro e Gabicce Mare, dall’Ente Parco San Bartolo e dalla Regione Marche, e potrà contare su diverse iniziative di qui in avanti.

La prima, molto concreta, è la realizzazione di una cartolina che chi ha a cuore il San Bartolo non può non avere: l’offerta minima è di un euro e la somma raccolta servirà all’Ente Parco per progetti naturalisti e di rimboschimento. Sul fronte l’immagine di Baronciani, nel retro – non a caso – la ginestra, fiore cui il parco deve molto del suo fascino ma anche essenza tenace e pronta a resistere alle avversità come ben sapeva Leopardi. E nella città natale del poeta, Recanati, la cartolina arriverà presto in vendita in virtù della partnership istituzionale che la lega a Pesaro.

La cartolina esce oggi in modo ufficiale, sarà presente in occasione delle diverse iniziative estive ed è già disponibile in numerosi punti della città, oltre che naturalmente a Fiorenzuola nella sede del Parco: Musei Civici di Palazzo Mosca, Casa Rossini, area archeologica di Colombarone, biglietteria di Rocca Costanza, biglietterie e bookshop del Rossini Opera Festival, Biblioteca di Quartiere di Baia Flaminia, Iat, tutte le farmacie comunali (grazie alla collaborazione di Aspes spa), Tipico.tips, l‘Le foglie d’oro’, ‘Eureka Kids’, durante gli appuntamenti curati da Pesaro Village. A Gabicce Mare, si trova negli uffici del Comune, allo Iat e nella sede di G.A.M (Gruppo Albergatori Multiservizi).

A brevissimo il Parco San Bartolo attiverà un conto corrente dedicato per fare donazioni attraverso bonifico bancario o versamento paypal. Per aggiornamenti, www.parcosanbartolo.it e pagina fb (Parco San Bartolo).

E poi durante l’estate verranno organizzati appuntamenti ad hoc legati alla cultura e all’enogastronomia che diventeranno occasioni per non scordarsi di quel che è successo e per raccogliere le risorse necessarie. Ma l’onda di solidarietà è già in moto: diverse imprese del territorio hanno dato al Comune di Pesaro la disponibilità a contribuire alla ‘causa San Bartolo’.

La ‘rinascita’ del San Bartolo è iniziata.

INFO www.parcosanbartolo.it,

————————————————————-

Pubblichiamo anche una nota di Alessandro Baronciani:

‘Nella notte del 6 agosto ho realizzato questa illustrazione. All’inizio era soltanto una matita, una mia amica mi aveva appena scritto che a Riccione si vedeva il San Bartolo in fiamme. Sul web giravano pochissime informazioni quindi ho dovuto aspettare per capire cosa era successo. Quando, la mattina, le notizie arrivarono divenne subito un dramma collettivo. Il colle San Bartolo è un posto che ha segnato la mia giovinezza e quella di altre tantissime persone. Soltanto il giorno prima ero a guardare il tramonto e a fare un pic-nic sul “tetto del mondo”. Così decido di postare l’immagine ed è commovente. Nei social le persone la capiscono subito e si immedesimano. La condividono, la commentano. È un po’ come se tutti provassimo lo stesso pensiero. Il più bel messaggio è stato quello di una persona che mi ha scritto: hai disegnato esattamente quello che non riesco a dire con le parole in questo momento. Ad oggi ha oltre le 300 condivisioni e più di 1300 like e non ho altri dati perché l’ho postata nel mio profilo personale. Detto questo comunque se ne sono accorti tutti, dall’Assessore al Sindaco che ha mi ha chiamato subito il giorno dopo chiedendomi se poteva usare l’immagine per questa raccolta fondi. Ho accettato subito, ho donato il disegno con cui abbiamo realizzato questa iniziativa e questa bellissima cartolina stampata. Una cartolina per una ginestra. Abbiamo trovato un modo per raccogliere fondi per far rifiorire il San Bartolo e più di un “ricordo” mi piace pensare che abbiamo realizzato qualcosa per “non dimenticare”.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it