Nelle Marche la piaga del commercio abusivo non è più sostenibile

Nelle Marche la piaga del commercio abusivo non è più sostenibile

E’ un fenomeno che va combattuto coinvolgendo a tutti i livelli istituzioni e cittadini: la Lega Nord continuerà in tale direzione perché è sempre dalla parte di chi rispetta la legge

ANCONA – Il Carroccio evidenzia che con l’arrivo della stagione estiva si assisterà all’invasione, nelle spiagge, dei venditori abusivi che, come ogni anno, tornano a vendere i loro prodotti nelle località costiere  maggiormente battute dai turisti in questo periodo.

E’ ormai acclarato che dietro questo commercio, che ormai ha assunto, a tutti i livelli, proporzioni inaccettabili, operano organizzazioni e attività di gruppi legati alla criminalità organizzata. Organizzazioni “a rete” che si servono anche dell’immigrazione incontrollata per infoltire la fila dei venditori abusivi che agiscono nel nostro territorio, distribuendo merce contraffatta o rubata, se non addirittura dannosa per la salute.

La Lega evidenzia dati e percentuali che vedono il numero degli ambulanti stranieri superare quello degli italiani, intravedendo il rischio che i conseguenti flussi di denaro provenienti da questo commercio illegale possano andare a finanziare finalità e attività illecite, come peraltro riportato dalla stampa nazionale di ieri.

La piaga dell’abusivismo non solo danneggia fortemente il sistema economico, creando notevolissimi danni a tutti gli operatori in regola -che diversamente pagano le tasse-  in termini di mancato gettito fiscale ma, soprattutto crea un danno all’immagine sulla qualità del turismo marchigiano che per sua natura e fisiologicamente viene promozionato come “tranquillo, familiare e sicuro”.

In quest’ottica, il Gruppo della Lega Nord – come ribadiscono i consiglieri regionali Sandro Zaffiri, Marzia Malaigia e Luigi Zura Puntaroni – già nel luglio 2016 aveva presentato una mozione, che vede come prima firmataria Marzia Maligia,  volta ad impegnare il Governo regionale su tre punti essenziali: stimolare l’adozione di una legge speciale per rafforzare i poteri delle autorità locali e delle Forze dell’ordine, inasprire le sanzioni per chi esercita l’abusivismo e realizzare un’ apposita campagna di sensibilizzazione per turisti e cittadini.

Questa nostra linea a favore della tutela dei commercianti, dei cittadini e dei turisti non è passata ieri in Aula e non è stata condivisa neppure dal Movimento 5 Stelle.

La maggioranza, pur di non votare l’intero atto, si è appellata ad un passaggio della premessa il quale poteva essere tranquillamente emendato.

Siamo sgomenti di fronte a questo PD ed a questa maggioranza che si attacca come sempre a dei cavilli pur di non mettere in atto delle azioni di contrasto verso questo fenomeno di illegalità.

“Secondo noi del Carroccio – concludono i consiglieri del gruppo regionale Lega Nord Marche Sandro Zaffiri, Marzia Malaigia, Luigi Zura Puntaroni  -, la piaga dell’abusivismo non è più sostenibile, è un fenomeno che va combattuto coinvolgendo a tutti i livelli istituzioni e cittadini. La Lega Nord continuerà in tale direzione perché è sempre dalla parte di chi rispetta la legge”.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it