Vedo a Colori, la Street Art al porto di Civitanova Marche

Vedo a Colori, la Street Art al porto di Civitanova Marche

Vedo a Colori, la Street Art al porto di Civitanova Marche

CIVITANOVA MARCHE – Vedo a Colori è il nome del progetto ideato e curato da Giulio Vesprini, Urban Artist e grafico indipendente. L’idea è quella di rendere il porto di Civitanova Marche un museo a cielo aperto dedicato alla disciplina della Street Art. Iniziato nel 2009, oggi conta oltre 16 cantieri navali dipinti e 1000 metri quadrati di muro del molo est.

Per l’edizione 2017 sono previsti altri 1000 metri quadrati per un totale di 50 artisti arrivati da tutta Italia negli anni e più di 50 murales distribuiti nell’area portuale. Il progetto dal 2014 ha il patrocinio del Comune di Civitanova Marche, del Gac Marche Sud e della Regione Marche per la vittoria di un bando Europeo per la riqualifica delle aree portuali e attività legate alla pesca. Nel 2015 l’evento ha ottenuto il patrocinio di Marche Expo 2015 e della Facoltà di Architettura dell’Università degli studi di Camerino; media partner di eccellenza sono Urban Lives e Ziguline, siti di punta nel panorama della Street Art italiana e non solo curato da Ivana De Innocentis (Urban Lives) e Maria Caro (Ziguline).  Negli anni ha attivato collaborazioni culturali con realtà marchigiane importanti come il progetto JES! di Jesi e Mappe Magazine luoghi-percorsi-progetti nelle Marche, pubblicazione periodica di Gagliardini Editore.

Il progetto è interamente autoprodotto e non percepisce soldi pubblici dal Comune che si fa garante del solo patrocinio non oneroso riconoscendolo progetto di alto valore culturale. Grazie a sponsor tecnici di rilievo nel panorama dei colori, sponsor privati come la BCC Credito Cooperativo di Civitanova Marche e Montecosaro, ICA Group, Gas Marca e molte realtà della ristorazione locale, Vedo a Colori prosegue il suo percorso al porto regalando alla città di Civitanova Marche una cartolina fresca e rinnovata grazie ai tanti dipinti lasciati negli anni al molo. Il segno lasciato dagli artisti per una nuova visione di un porto “a colori” luogo dove ritrovarsi e passeggiare, un porto nuovamente centrale, il cuore pulsante della città.
Tanti sono gli eventi che caratterizzano questi 2 mesi di lavoro, dopo la chiusura dei murales al secondo braccio del molo est si procederà con la realizzazione del secondo catalogo successivamente presentato in una serata dedicata al confronto sul tema della Street Art e alla proiezione del documentario.

Il progetto, in continua crescita, quest’anno darà vita ad eventi connessi come la seconda mostra “Cantiere a Colori #2”, esposizione fotografica degli scatti realizzati durante la lavorazione di Vedo a Colori 2017 fatti dalla fotografa civitanovese Silvia Diomedi, si produrrà un video documentario con l’obiettivo di raccontare la realizzazione artistica ma anche l’esperienza delle persone che fruiscono di quello spazio oggi rinnovato curato dalla videomaker Caterina Marchetti.  Per questa edizione è stata aperta una campagna di Crowdfunding sulla piattaforma buonacausa.org/cause/vedoacolori

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it