“I valori della memoria e della pace siano punto di riferimento per i giovani”

“I valori della memoria e della pace siano punto di riferimento per i giovani”

Lo ha affermato il presidente del Consiglio regionale, Antonio Mastrovincenzo, all’auditorium della Mole Vanvitelliana in occasione del momento conclusivo della quarta edizione del concorso scolastico regionale dal titolo “Esploratori della memoria” nato da un progetto ideato dall’ANMIG

ANCONA – Nasce da un’idea dell’Associazione nazionale mutilati e invalidi di guerra della sezione Umbria, divenuto successivamente progetto nazionale “Pietre della Memoria”, il concorso scolastico regionale dal titolo “Esploratori della Memoria”, patrocinato dal Consiglio regionale delle Marche. Giunto alla sua quarta edizione, il concorso, destinato a tutti gli studenti delle scuole marchigiane, ha vissuto questa mattina, presso l’auditorium della Mole Vanvitelliana di Ancona, il suo momento finale con la premiazione delle classi vincitrici. Esploratore della memoria può definirsi colui che individua, censisce e segnala monumenti, lapidi, lastre commemorative, steli, cippi e memoriali presenti nel territorio nazionale che ricordano prima e seconda guerra mondiale e guerra di Liberazione. Numeri importanti per questo progetto, ben 33 scuole partecipanti, 20 quelle premiate, 50 classi coinvolte per un totale di oltre 1000 studenti.

“E’ la dimostrazione della sensibilità delle scuole marchigiane rispetto ai valori che devono essere punti di riferimento per i giovani – ha detto il presidente dell’Assemblea legislativa, Antonio Mastrovincenzo – Tra questi ci sono sicuramente quelli della memoria e della pace tra i popoli”. “La giornata di oggi – ha poi aggiunto – deve spingerci tutti ad una riflessione sugli errori della guerra, in un periodo storico in cui è seriamente a rischio la pace mondiale”. “Compito delle Istituzioni e della Scuola promuovere la cultura della memoria – ha concluso Mastrovincenzo – ed anche dei giovani, l’onere e l’onore di dare concretezza a questo messaggio nella quotidianità”.

Alla cerimonia, alla quale ha preso parte una folta rappresentanza delle scuole marchigiane, era presente la presidente dell’ANMIG Marche, Silvana Giaccaglia, che ha ricordato la recente inaugurazione della lapide che ricorda gli insegnanti marchigiani caduti nella Grande Guerra, presso la sede dell’ufficio scolastico regionale di Ancona. “Vorremmo dedicare questa giornata – ha detto Giaccaglia – a tutti gli studenti delle scuole marchigiane colpite dal terremoto e che, seppur in grande difficoltà, hanno voluto partecipare al concorso”. Erano, inoltre, presenti alla cerimonia il presidente ANMIG Umbria, Remo Gasperini, Tania Graziosi, in rappresentanza dell’Ufficio scolastico regionale, gli assessori del Comune di Ancona, Tiziana Borini e Stefano Foresi. (l.b.)

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it