“Accattonaggio e abusivi, un problema sociale da risolvere con tutta la comunità”

“Accattonaggio e abusivi, un problema sociale da risolvere con tutta la comunità”

Ancona è una città come molte altre, con le problematiche delle grandi realtà, l’allarme per la presenza dei clochard va gestito da un punto di vista collettivo

"Accattonaggio e abusivi, un problema sociale da risolvere con tutta la comunità"ANCONA – Ancona non è immune dalle problematiche tipiche delle grandi realtà cittadine: senzatetto e abusivi. Situazioni delicate che riguardano molti Comuni italiani, da gestire non solo sotto il punto di vista della sicurezza, ma anche da un punto di vista sociale e di comunità.

E’ il parere della Cna, secondo la quale ad esempio la presenza dei clochard sulle panchine del corso difficilmente può essere risolta con ordinanze o altre normative ad hoc.

“Siamo di fronte a persone che si trovano in difficoltà – dichiara la presidente della Cna Ancona Loredana Giacomini (nella foto) – e secondo noi la modalità più seria per affrontare tale problematica è quella di intervenire attraverso un coordinamento del Comune e delle associazioni di volontariato presenti sul territorio che lavorano con il disagio”.

Cna porta ad esempio città come Roma e Milano, che hanno anche previsto delle unità mobili (gestite dai city angels) che in determinati periodi contattano i senzatetto per aiutarli, indicandogli un dormitorio per non farli rimanere in strada.

“Anche nella realtà anconetana – continua la Giacomini – riteniamo utile, attraverso un attento coordinamento, un aiuto di questo tipo”.

Per quanto riguarda gli abusivi, invece, Cna ritiene utile un’azione tesa alla repressione, magari anche attraverso l’utilizzo di vigili in borghese (che si qualifichino successivamente) che possano facilmente avvicinare i venditori abusivi.

Contemporaneamente, l’associazione ritiene però altrettanto utile sensibilizzare gli acquirenti sul fatto che l’acquisto di un oggetto contraffatto porta danno all’economia sana italiana, anche perché spesso il fenomeno dei venditori abusivi è gestito da veri e propri gruppi malavitosi. Occorre quindi attuare politiche di sensibilizzazione verso la cittadinanza, far comprendere che la scelta dell’acquisto ha conseguenze sulla nostra economia.

A tal proposito, la presidente Cna ricorda che “vi sono esperienze tipo Ravenna, dove sono state emesse delibere per colpire con piccole sanzioni simboliche (multe da 25 fino a 75 euro), gli acquirenti dei venditori abusivi. Non si tratta di una punizione, la somma è piuttosto irrisoria, ma di un atto volto a disincentivare tale modalità di vendita e acquisto, perché ciò che sembra un risparmio in realtà è un gesto che aiuta la criminalità. Certo, si tratta di una scelta delicata che andrebbe discussa con la comunità dei commercianti, ma in ogni caso occorre incentivare la crescita di quello “spirito civico” di cui lo stesso sindaco di Ancona aveva parlato in occasione dell’inaugurazione di piazza Cavour”.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it