Show nel salto in lungo ai campionati italiani assoluti di atletica al Palaindoor di Ancona

Show nel salto in lungo ai campionati italiani assoluti di atletica al Palaindoor di Ancona

Show nel salto in lungo ai campionati italiani assoluti di atletica al Palaindoor di Ancona

Terzo posto sui 1500 metri per la mezzofondista pesarese dell’Atletica Avis Macerata, Ilaria Sabbatini. Spettacolare gara nel salto in lungo con tre azzurri sopra gli 8 metri: Jacobs (8,06), Randazzo (8,05) e Howe (8,01)

Show nel salto in lungo ai campionati italiani assoluti di atletica al Palaindoor di Ancona

Show nel salto in lungo ai campionati italiani assoluti di atletica al Palaindoor di Ancona

Show nel salto in lungo ai campionati italiani assoluti di atletica al Palaindoor di Ancona ANCONA – Una splendida medaglia per le Marche, nella giornata inaugurale dei Campionati Italiani Assoluti Indoor ad Ancona. Sui 1500 metri conquista il terzo posto Ilaria Sabbatini, protagonista di un gran finale in rimonta che vale il bronzo in 4:33.90. Per la 22enne pesarese dell’Atletica Avis Macerata, allenata da Fabrizio Dubbini, è la prima volta su un podio tricolore. E ci riesce al massimo livello, dopo una lunga serie di piazzamenti nelle categorie giovanili: ben otto volte tra il quarto e il sesto posto nelle ultime tre stagioni. Notevole anche il riscontro cronometrico, a meno di due secondi dal suo record regionale assoluto stabilito un mese fa a Padova con 4:32.19, nonostante lo sviluppo tattico della gara.
“Fantastico, ancora non ci credo! Dopo averci provato per tanto tempo – le sue parole – finalmente un podio ai campionati italiani, non a livello giovanile ma agli Assoluti. Un risultato che mi ripaga di tutto quello che ho fatto in questi anni. Non è un oro, ma vale come l’oro! E’ stata una corsa molto strana, con partenza lenta seguita da diversi cambi di ritmo. Ero tesa ma con la giusta grinta per stare davanti e gestire bene la gara. Ho cercato di sfruttare ogni spiraglio per portarmi avanti il più possibile, anche passando all’interno per rimanere in lotta, poi nel giro conclusivo ho aumentato il ritmo, superando alcune avversarie. Nell’ultimo rettilineo ho capito che potevo farcela, al traguardo mi sono lasciata andare a un pianto di gioia per aver regalato una medaglia alle persone che mi stanno vicino: i genitori, che erano in tribuna a fare il tifo, il tecnico, la società e il mio ragazzo. Domani correrò anche sui 3000 metri, senza troppi pensieri dopo aver raggiunto quest’obiettivo”.
Nel salto in lungo, ottavo posto con 5,93 per la campionessa italiana juniores Martina Aliventi (Collection Atl. Sambenedettese) mentre il compagno di club Andrea Pacitto, tricolore promesse dei 60 ostacoli, fa segnare l’undicesimo tempo con 8.35. Sulla pedana dell’alto, tredicesima la 15enne filottranese Benedetta Trillini (Team Atl. Marche) a quota 1,70. Tante gare da seguire anche domani, con la pesarese Eleonora Vandi (Atl. Avis Macerata) che cercherà di confermarsi sul podio degli 800 metri alle ore 14.50, dopo il bronzo della scorsa edizione, e sulla stessa distanza Simone Barontini (Sef Stamura Ancona) alle ore 15.10.
Tre atleti infrangono il fatidico muro degli 8 metri nel salto in lungo, in una gara senza precedenti al coperto in Italia. Vince Marcell Jacobs (Fiamme Oro) con 8,06, un centimetro meglio del ventenne siciliano Filippo Randazzo (Fiamme Gialle) che per la prima volta nella sua carriera mette l’8 in prima cifra: 8,05, quinto azzurro di sempre al coperto. Ma l’altra bella notizia di oggi è che, dall’altra parte del muro, con 8,01 c’è anche Andrew Howe (Aeronautica). Era da quasi 7 anni (dall’8,12 degli Europei di Barcellona 2010) che il recordman nazionale assoluto, argento mondiale 2007, non varcava la soglia degli 8 metri. Una gara dai contenuti eccezionali che vede la classifica proseguire con il quarto posto di Kevin Ojiaku (Fiamme Gialle) 7,93 e il quinto di Stefano Tremigliozzi (Aeronautica) 7,83. Immediata l’eco a livello europeo di questa triplice impresa. Nel ranking continentale 2017 Jacobs (oggi 8,06) è secondo con 8,07, Randazzo è terzo con 8,05 e Howe è quarto con 8,01. Tre azzurri ai piani alti della graduatorie stagionali (meglio ha fatto solo il francese Jean-Pierre Bertrand, 8,08) a due settimane dal grande appuntamento degli Europei Indoor di Belgrado (3-5 marzo).
Antonella Palmisano, alla prima uscita dopo il quarto posto olimpico di Rio nella 20 km, torna e domina la competizione tricolore sui 3000 metri. Il terzo titolo in sala della carriera per la pugliese delle Fiamme Gialle arriva in 12:08.83: è la migliore prestazione mondiale 2017 ad appena tre secondi dal personal best (12:05.68 nel 2015). Scalpitano e vincono le nuove leve degli ostacoli. I 60hs delle donne fanno scintille grazie a due giovanissime interpreti: la primatista italiana under 20 Elisa Di Lazzaro e la campionessa europea under 18 dei 100hs Desola Oki. Stavolta, però, la sfida vale il titolo assoluto e ancora una volta il record italiano junior che la Di Lazzaro (18enne triestina trapiantata a Fidenza nell’inesauribile vivaio del Cus Parma guidato dal tecnico Maurizio Pratizzoli) deteneva dal 5 febbraio e che qui migliora di altri tre centesimi a 8.25. Sfiorato lo standard di iscrizione (8.24) per i prossimi Europei Indoor di Belgrado. Seconda è la Oki, stesso club e stesso allenatore, che con 8.29 centra il personale. Al terzo posto, Micol Cattaneo (Carabinieri), la più esperta del podio con 8.30. Nel lungo femminile Laura Strati (Atl. Vicentina) atterra davanti a tutte con 6,59 e diventa la quarta italiana di sempre al coperto, l’ottava in Europa quest’anno.

Show nel salto in lungo ai campionati italiani assoluti di atletica al Palaindoor di AnconaRISULTATI ATLETI MARCHIGIANI
3. Ilaria Sabbatini (Atl. Avis Macerata) 1500 metri 4:33.90
8. Martina Aliventi (Collection Atl. Sambenedettese) lungo 5,93
11. Andrea Pacitto (Collection Atl. Sambenedettese) 60 ostacoli 8.35 batt.
13. Lorenzo Veroli (Fiamme Azzurre) 400 metri 49.47 batt.
13. Benedetta Trillini (Team Atl. Marche) alto 1,70
16. Francesca Ramini (Sport Atl. Fermo) 400 metri 57.02 batt.
18. Emma Silvestri (Collection Atl. Sambenedettese) 400 metri 57.41 batt.

INGRESSO A COSTO ZERO
Sarà uno spettacolo per tutti, e senza dover pagare il biglietto. Infatti l’entrata è completamente gratuita, per godersi le gare della più importante manifestazione italiana dell’atletica al coperto. Al Palaindoor in via della Montagnola. Possibilità di parcheggio, con oltre 500 posti auto gratuiti disponibili.

ORARIO SINTETICO DELLE FINALI
Domenica 19 febbraio
12.30 Asta F
13.30 Triplo F
14.00 Alto M
14.30 400 M
14.40 400 F
14.50 800 F
15.10 800 M
15.30 Triplo M
15.30 3000 F
15.50 3000 M
16.00 Peso M
16.10 60 F
16.20 60 M
16.35 4×200 F
17.00 4×200 M

TV – Sarà possibile seguire i Campionati Italiani Assoluti Indoor 2017 di Ancona in tv. Ecco la programmazione prevista:
– domenica 19 febbraio: diretta ore 14.30-16.30 su RaiSport
Il resto della manifestazione sarà trasmesso in diretta streaming.

RISULTATI: http://www.fidal.it/calendario/CAMPIONATI-ITALIANI-ASSOLUTI-INDOOR/COD6030

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it