Rinnovati dai sindaci i consigli provinciali di Ancona, Pesaro e Ascoli

Rinnovati dai sindaci i consigli provinciali di Ancona, Pesaro e Ascoli

Tutti gli eletti, i dati dell’affluenza ed i voti ottenuti. La soddisfazione del presidente Paolo D’Erasmo per la grande partecipazione nella sua provincia

Rinnovati dai sindaci i consigli provinciali di Ancona, Pesaro e Ascoli

ANCONA – I partiti del centrosinistra – con il Pd che ha, ovviamente, fatto la parte del leone – confermano la leadership nelle elezioni provinciali di secondo livello (hanno votato solo i sindaci ed i consiglieri comunali) svoltesi ad Ancona, Pesaro Urbino ed Ascoli Piceno per il rinnovo dei consigli provinciali.

Va chiarito che, per quanto riguarda i voti ponderati attribuiti ai candidati e sulla base dei quali sono stati ripartiti i seggi, gli amministratori-elettori con riferimento alla normativa vigente, sono stati suddivisi in fasce, in base al peso demografico della popolazione rappresentata.

Ad Ancona ha votato il 54,3% dei sindaci e dei consiglieri comunali aventi diritto.

Sono risultati eletti: per la lista n. 1 (La Provincia per i Comuni): Lorenzo Rabini; per la lista n. 2 (Ancona Provincia Civica): Italo D’Angelo, Thomas Cillo, Monica Bordoni, Andrea Gasparini; per la lista n. 3 (Unione Democratica): Francesco Perticaroli, Diego Urbisaglia, Federica Fiordelmondo, Filippo Invernizzi, Arduino Tassi, Matteo Vichi, Ugo Pesciarelli.

A Pesaro Urbino, alle urne è andato il 38,6% degli aventi diritto (pari al 49,8% del voto ponderato). Presentata una sola lista: “La Provincia dei sindaci”.

Tutti eletti i 12 candidati. Il sindaco di Gabicce Mare Domenico Pascuzzi è quello che ha ottenuto il maggior numero di voti ponderati (7.971 voti ponderati, 25 preferenze), seguito dal consigliere del Comune di Fano Enrico Nicolelli con 7.839 voti ponderati (13 le preferenze), dal sindaco di Isola del Piano Giuseppe Paolini (5.153 voti ponderati ma il più votato con 47 preferenze), dal sindaco di San Lorenzo in Campo Davide Dellonti (4.841 voti ponderati, 21 preferenze), dal sindaco di Acqualagna Andrea Pierotti (4.538 voti ponderati, 30 preferenze), dal sindaco di Vallefoglia Palmiro Ucchielli (4.353 voti ponderati, 13 prefenze), dal sindaco di Mondolfo Nicola Barbieri (4.321 voti ponderati, 14 preferenze), dal sindaco di Mercatino Conca Omar Lavanna (3.018 voti ponderati, 32 preferenze), dal consigliere del Comune di Urbino Massimiliano Sirotti (2.612 voti ponderati, 12 preferenze), dal sindaco di Cagli Alberto Alessandri (1.948 voti ponderati, 14 preferenze), dal sindaco di Tavullia Francesca Paolucci (1.542 voti ponderati, 9 preferenze) e dal consigliere del comune di Piobbico Lamberto Merendoni (450 voti ponderati, 9 preferenze).

Ad Ascoli Piceno hanno espresso il voto 361 elettori su 417 aventi diritto, cioè il 86,57%, il più alto dato di affluenza in tutte le province che sono andate in questa tornata al voto. Nelle precedenti elezioni dell’ottobre 2014 dove era stato proclamato presidente della Provincia Paolo D’Erasmo, su 418 votanti avevano votato in 381, pari al 91%.

La lista ‘Cambiamento e innovazione per il rilancio del Piceno’ ha ottenuto 5 seggi (Valentina Bellini, Antonio Capriotti, Pacifico Malavolta, Alberto Antognozzi e Daniele Tonelli); 4 sono andati alla lista del centrodestra ‘L’Altra Provincia-Ascoli Piceno’ (Gianni Massimo Balloni, Piera Seghetti, Andrea Maria Antonini e Giovanni Chiarini); e uno alla lista ‘Amministratori del Piceno per la Costituzione’ (Roberto De Angelis).

Questo, comunque, l’elenco completo dei voti ottenuti dai singoli consiglieri delle liste presentate per il rinnovo del Consiglio provinciale di Ascoli Piceno.

Lista n. 1 “Cambiamento e Innovazione per il rilancio del Piceno”: Alberto Antognozzi voti  60 (ponderato 7580), Valentina Bellini voti 37 (ponderato 9047) , Antonio Capriotti voti 32 (ponderato 8308), Diana De Angelis voti 0 (ponderato 0), Pacifico Malavolta voti 25 (ponderato 7802), Stefano Novelli voti 24 (ponderato 6015), Mauro Schiavi voti 4 (ponderato 760) e Daniele Tonelli voti 43 (ponderato 7232).

Lista n. 2 “Amministratori del Piceno per la Costituzione”: Roberto De Angelis voti 31 (ponderato 6583), Barbara Bassetti voti 2 (ponderato 380), Marika Maoloni voti 2 (ponderato 162), Luigino Nespeca voti 1 (ponderato 317) e Bruno Talamonti voti 3 (ponderato 1404).

Lista n. 3 “L’Altra Provincia – Ascoli Piceno”: Andrea Maria Antonini voti 14 (ponderato 5478), Laura Balestra voti 19 (ponderato 4712), Gianni Massimo Balloni voti 16 (ponderato 6440), Giovanni Chiarini voti 15 (ponderato 5414), Ersilio Corradetti voti 1 (ponderato 317), Valerio Pignotti voti 14 (ponderato 5208) e Piera Seghetti voti 10 (ponderato 5508).

Il presidente della Provincia di Ascoli Piceno (nell’occasione non si è votato per il rinnovo dei presidenti che, per legge, restano in carica quattro anni, a differenza dei consiglieri i cui mandati terminano dopo due anni) Paolo D’Erasmo ha espresso “grande soddisfazione per la massiccia partecipazione al voto degli amministratori dei Comuni del territorio, la Provincia rappresenta infatti un Ente che svolge funzioni fondamentali come viabilità, edilizia scolastica, ambiente, urbanistica ed altri servizi essenziali a supporto dei Comuni. Oltre che per i cinque consiglieri eletti nella lista “Cambiamento e Innovazione per il rilancio del Piceno”, la mia soddisfazione va anche a Roberto De Angelis riconfermato consigliere della lista “Amministratori del Piceno per la Costituzione” che rappresenta a livello regionale anche i piccoli comuni. Formulo, infine, i migliori auguri per un proficuo lavoro al servizio della comunità picena a tutti i dieci consiglieri eletti“.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: