La Cucine Lube gira ancora al massimo: Latina ko (3-0) in un’ora

La Cucine Lube gira ancora al massimo: Latina ko (3-0) in un’ora

La Cucine Lube gira ancora al massimo: Latina ko (3-0) in un'ora

CIVITANOVA MARCHE – La Cucine Lube Civitanova chiude il suo 2016 di fronte ai propri tifosi con una netta vittoria sulla Top Volley Latina (3-0) e consolida ulteriormente la vetta della classifica, allungando sulla diretta inseguitrice Modena (Ravenna non le permette di conquistare l’intera posta al Pala Panini), ora al secondo posto c’è Trento a -3. La testa ora va già alla partita di Sora in programma giovedì sera.

Senza storia il match dell’Eurosuole Forum (anche stasera oltre 3mila spettatori), troppo superiore la Lube che viaggia con altissime percentuali in attacco per tutto l’arco della partita (75% di squadra) e difende tantissimi palloni tanto da mettere a segno ben 27 break point in soli tre set (7 muro e 6 ace). Numeri che parlano chiaro, risutato mai in discussione e altri tre punti per gli uomini di Blengini che continuano a mantenere l’imbattibilità casalinga.

Top scorer del match Sokolov con 18 punti e il 68% in attacco, segue Juantorena con 13 e l’82%. Bene anche Kovar (64% in attacco), titolare stasera, e prova super dei centrali (Candellaro 100%, Stankovic 82% su 11 palloni attaccati).

La partita

Formazione inedita per coach Blengini: c’è Grebennikov libero, con la coppia tutta italiana in banda Juantorena-Kovar, confermate le diagonali Christenson-Grebennikov e Stankovic-Candellaro.

La gara si apre subito con un maxi break Lube: gli errori di Latina (5-1) e il terzetto Kovar-Juantorena-Sokolov (5 punti a testa a fine set) confezionano un secco parziale di 8-1. L’opposto bulgaro piazza l’ace dell’11-4, l’italo-cubano il contrattacco del 14-6: netta la superiorità del sestetto di Blengini, che continua a fare la differenza soprattutto dai nove metri (ace di Juantorena per il 19-8) e allunga ancora con Kovar per il 22-9. Il set si chiude 25-13 sul primo tempo di Candellaro, Lube al 74% in attacco con già 3 ace e 3 muri all’attivo.

Il turno al servizio di Juantorena fa ancora male a Latina e i cucinieri vanno sul 6-3: attentissima la difesa Lube che strappa applausi agli oltre tremila spettatori. Due muri dei pontini riportano il set in equilibrio (9-8), ma Stankovic e l’errore di Maruotti spingono i biancorossi al +4 (14-10). La Lube continua a macinare gioco in difesa e a contrattaccare con efficacia (Sokolov per il 17-11), l’errore di Fei spezza definitivamente le speranze di rimonta di Latina (22-15) e Juantorena (80% e 4 punti) chiude con la pipe del 25-17. Percentuali super per Sokolov (70%, 7 punti su 10 attacchi).

Stessa musica nel terzo set, Stankovic e Candellaro continuano a martellare dal centro (viaggiano con il 100% in attacco da inizio gara) e in un attimo la Cucine Lube si trova sul +6 (12-6), complice anche qualche errore gratuito di Latina. I cucinieri imperversano a muro (Sokolov e Candellaro su tutti, 3 nel set) e si va sul 19-10: partita già virtualmente finita, la conclusione effettiva passa delle mani di Juantorena con un ace e una pipe (25-14). Per Sokolov addirittura un 100% in attacco, Kovar chiude la gara da titolare con il 64% e 9 punti.

Il tabellino

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Sokolov 18, Candellaro 7, Pesaresi, Kaliberda n.e., Juantorena 13, Casadei n.e., Stankovic 10, Kovar 9, Christenson 1, Cester n.e., Grebennikov (L), Corvetta n.e., Cebulj n.e. All. Blengini.

TOP VOLLEY LATINA: Klinkenerg 7, Fei 6, Gitto, Sottile, Pistolesi, Strugar, Quintana 3, Caccioppola (L), Rossi 4, Ishikawa, Maruotti 5, Penchev 5, Fanuli (L).

ARBITRI: Satanassi (RA), Lot (TV)

PARZIALI: 25-13 (18′), 25-17 (23′), 25-14 (19′)

NOTE: Spettatori 3328. Lube bs 11, ace 6, muri 7, ricezione 68% (46% prf), attacco 75%, errori 2. Latina bs 9, ace 1, muri 2, ricezione 49% (18% prf), attacco 43%, errori 5.

 

LE DICHIARAZIONI DEI PROTAGONISTI A FINE PARTITA

Gianlorenzo Blengini: “Stasera abbiamo dimostrato che la nostra squadra ha diverse possibilità e giocatori di qualità. C’è la necessità di dare campo ad alcuni giocatori perché ne hanno bisogno e perché possano farsi trovare pronti quando serve, per questo motivo non si vede sempre la stessa squadra in campo ma ci possono essere delle rotazioni. Siamo stati bravi in ricezione questa sera come in tante altre occasioni, abbiamo fatto una buona partita in tutte le fasi di gioco e ci sono state tante azioni lunghe che ci hanno permesso una certa varietà in fase di attacco: direi che complessivamente abbiamo fatto una bella gara. Abbiamo preparato anche questa partita al meglio, utilizzando tutte le informazioni a disposizione per capire quale squadra avremmo trovato dall’altra parte della rete: se non ci si prepara in questo modo non si è in grado di superare le varie difficoltà che si possono presentare nel corso della partita. Ora si pensa a Sora, un’altra partita da impostare bene mentalmente perché contro una squadra molto diversa rispetto a quella che abbiamo incontrato nel girone di andata. E’ una squadra in crescita, che sul suo campo è in grado di mettere in difficoltà chiunque per cui sappiamo che ci aspetta una bella battaglia e che ci sarà da lavorare nei prossimi giorni.”

Jiri Kovar: “Siamo entrati in campo concentrati, come ci eravamo detti di fare prima della partita e li abbiamo messi in difficoltà dall’inizio alla fine. Mi fa piacere giocare e ho bisogno di farlo per recuperare a pieno la forma ed acquisire fiducia. Adesso ci aspettano due giorni di allenamento e poi cercheremo di chiudere questo 2016 con altri 3 punti a Sora.”

Jenia Grebennikov: “E’ stato un piacere entrare da titolare nell’ultima partita in casa dell’anno, abbiamo fatto una bella partita e sono molto felice. Oggi abbiamo dimostrato che la nostra formazione può cambiare, abbiamo diverse possibilità e nonostante i cambiamenti restiamo sempre una squadra forte. E’ molto importante per noi mantenere la vetta della classifica, sappiamo che a Sora ci aspetta una partita difficile contro una squadra forte, che in casa dà il meglio.”

Tsvetan Sokolov: “Oggi ho fatto molti punti ma non è questo che conta, l’importante è che la squadra vinca e giochi bene. Siamo entrati in campo con una formazione diversa rispetto alla solita ma siamo stati bravi ed abbiamo affrontato la partita con l’atteggiamento giusto. Sapevamo che Latina sarebbe arrivata qui pronta a combattere, per cui abbiamo fatto del nostro meglio e siamo riusciti a portare a casa tre punti. Ora pensiamo a Sora, andremo lì pronti a giocare la nostra pallavolo per finire l’anno con una vittoria.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it