Celebrato ad Ancona il Giubileo degli artigiani

Celebrato ad Ancona il Giubileo degli artigiani

Pellegrinaggio al Duomo di San Ciriaco e Santa Messa officiata dal cardinale Menichelli

ANCONA – La Confartigianato, in occasione del Giubileo Straordinario della Misericordia, ha organizzato ad Ancona un pellegrinaggio degli imprenditori e dei loro familiari che, partito da piazza del Senato, ha raggiunto il Duomo di San Ciriaco dove il Cardinale Edoardo Menichelli ha officiato la Santa Messa.

Il vero valore sociale dell’impresa è quando riesce a generare momenti di serenità non solo economica, ma anche  per la vita dei propri collaboratori. Nei momenti di crisi, così come nelle fasi di espansione, le piccole imprese sono state un valido ammortizzatore, un fattore di stabilità. Capacità di trasmettere valori sociali e culturali: sono questi gli elementi qualificanti del “codice genetico artigiano” che, oggi, gli imprenditori conservano immutati e che sono unanimemente apprezzati a livello internazionale.

Il contesto nazionale  ma ancor più il contesto internazionale, ha ribadito Giorgio Cataldi segretario della Confartigianato di Ancona- Pesaro e Urbino, è incredibilmente cambiato nel corso degli anni e le piccole imprese sono altrettanto mutate per far fronte a nuovi mercati, a nuovi produttori, a nuove tecnologie.  Ma l’imprenditore artigiano, l’uomo artigiano è rimasto al centro di questo modo di fare impresa, oggi come allora: protagonista e partecipe della sua attività e del suo lavoro.

Così come straordinariamente diffusa è ancora oggi l’impresa familiare, intesa nel senso più proprio del termine: al titolare artigiano spesso si affianca il coniuge e si affiancano i figli, realizzando una continuità lontana da alienazioni tra il tempo del lavoro ed il tempo delle relazioni familiari.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it