Migrazioni ed accoglienza: troppe strategie in un’Europa divisa

Migrazioni ed accoglienza: troppe strategie in un’Europa divisa

Un argomento complesso di cui si è discusso a Spello, alla presenza del Console onorario russo di Ancona, in occasione dell’assegnazione del Premio Internazionale della Pace Constantinus Magnus

Migrazioni ed accoglienza: troppe strategie in un’Europa divisa Migrazioni ed accoglienza: troppe strategie in un’Europa divisaMigrazioni ed accoglienza: troppe strategie in un’Europa divisaMigrazioni ed accoglienza: troppe strategie in un’Europa divisa

SPELLO – Con il patrocinio della Casa Reale e Imperiale Picco Lavarello Lascaris Comneno Paleologo Obrenovic di Costantinopoli – Serbia, il Sacro Ordine Imperiale Militare Nemagnico Angelico Costantiniano di San Giorgio e Santo Stefano e il Comune di Spello hanno assegnato l’edizione 2016 del Premio Internazionale della Pace “CONSTANTINUS MAGNUS” alla Comunità di San’Egidio, nella persona del presidente Prof. Marco Impagliazzo e all’Accademia Bonifaciana, nella persona del Fondatore, Rettore e Presidente dell’Istituzione Comm. Dott. Sante De Angelis.

Il Premio, giunto alla V edizione è nato sulla scia della grande lezione politico-religiosa dell’Imperatore Costantino che l’Ordine Costantiniano Nemagnico intende contribuire a portare avanti mediante una riflessione a trecentosessanta gradi sulle migrazioni e sulla condivisione di interventi internazionali, promossi dalle ONG impegnate in prima linea nell’accoglienza di rifugiati e sfollati. Esso ha quindi inteso organizzare, all’interno della consegna dell’ormai tradizionale Premio, che anche quest’anno è stato assegnato a personalità e/o associazioni in due diverse sezioni, una conferenza sul tema delle migrazioni. Poiché viviamo in un momento storico talmente delicato nel quale ci si interroga su quale accoglienza e quale integrazione si debbano e si possano offrire, si constata come in Europa coesistano strategie (o non strategie) molto diverse le une dalle altre, sembrando difficile giungere ad una visione comune su come affrontare il drammatico, importante tema epocale delle immigrazioni.

L’intenso programma ha avuto un impeccabile svolgimento, sotto l’attenta regia del Marchese Fabio Guasticchi, Gran Cancelliere e Ministro della Casa Reale. Oltre al Sindaco di Spello Moreno Landrini, erano Presenti Sua Altezza Reale e Imperiale Luigi Maria Picco di Montenero e Pola, Gran Maestro dell’Ordine e Capo della dinastia, il Console Onorario della Federazione Russa di Ancona Avv. Marco Ginesi e Il Console Emerito della Federazione Russa in Italia Prof. Armando Ginesi (accompagnati dal coordinatore della Segreteria consolare cav. Renato Barchiesi), Mons. Bruno Gagliarducci, Prelato di Sua Santità, il prof. Maurizio Oliviero, Ordinario di Diritto Comparato dell’Università degli Studia di Perugia, oltre ad altre autorità e dignitari dell’Ordine. Assenti, per causa di forza maggiore, il prof. Giorgio Buonamente, Ordinario di Storia Romana presso l’Università di Perugia e il Prof. Roberto Romano, già Docente delle Civiltà Bizantine presso l’Università Federico II di Napoli. I sovra citati studiosi sono tutti componenti, unitamente al Console prof. Armando Ginesi, della Commissione assegnatrice del Premio, che nelle precedenti edizioni, è stato concesso: nel 2012 a Flavio LOTTI, Coordinatore della Tavola della Pace di Assisi; nel 2013 a Padre Ibrahim FALTAS, già Rettore della Basilica della Natività di Betlemme, attualmente Economo della Custodia in Terra Santa; nel 2014 a Sua Eccellenza Abu MAZEN, Presidente dell’Autorità Nazionale Palestinese; nel 2015 al Comune di Lampedusa (nella persona del Sindaco dott,ssa Giuseppina Nicolini), all’imprenditore internazionale Bruno CUCINELLI, e allo storico dell’arte contemporanea Armando GINESI.

L’assegnazione dei premi è stata scandita da momenti oratori. Moderatore abilissimo il prof. Oliviero, ha preso per primo la parola Il Sindaco di Spello che ha porto il saluto a tutti i presenti, ringraziando Il Principe Luigi Maria Picco di Montenero e Pola, L’Ordine Costantiniano e tutti coloro che hanno contribuito, direttamente o indirettamente alla riuscita della manifestazione. Hanno poi fatto seguito gli altri interventi di saluto del Principe, del Console Onorario avv. Marco Ginesi e di quello Emerito Prof. Armando Ginesi. Dopo di che il Presidente della Comunità di Sant’Egidio prof. Marco Impagliazzo ha tenuto una importante relazione sul tema “’Europa di fronte alle sfide delle migrazioni” affrontando, con grande competenza, il problema migratorio dal sud del mondo. A lui è seguito il dott. Sante De Angelis trattando il tema de “La Misericordia ha un volto visibile: l’Anno Santo Straordinario di Papa Francesco di interroga su Pace e perdono”. Infine, a nome del prof. Romano, come già detto, assente per improrogabili impegni, il Prelato di Sua Santità Mons. Gagliarducci ha dato lettura di un interessantissimo documento che sintetizza gli ultimi studi da lui compiuti sull’Ordine Costantiniano Nemagnico, intitolato “Dal IV secolo al XXI sviluppo di un Ordine”.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it