Ospedale Marche Nord, sarà avviato un confronto per un percorso condiviso

Ospedale Marche Nord, sarà avviato un confronto per un percorso condiviso

Approvata la mozione presentata in Consiglio regionale da Boris Rapa. In attesa della decisione definitiva si ravvisa la necessità di potenziare i servizi ospedalieri del Santa Croce a Fano e del San Salvatore a Pesaro

Ospedale Marche Nord, sarà avviato un confronto per un percorso condiviso

ANCONA – E’ stata discussa ed approvata stamane, in sede di Assemblea regionale, la risoluzione della mozione presentata lo scorso 8 aprile dal consigliere Boris Rapa (nella foto) del gruppo “Uniti per le Marche” sulla realizzazione della nuova struttura ospedaliera dell’ Azienda Marche Nord, con soddisfazione del consigliere stesso che, con la risoluzione, chiedeva alla giunta di definire un confronto con i territori, prima di assumere ogni decisione in merito e al contempo di accelerare il processo di integrazione fra i due ospedali di Fano e Pesaro.

“Premesso che l’ Azienda Ospedaliera Marche Nord rappresenta per il sistema sanitario regionale una parte fondamentale e strategica della riorganizzazione sanitaria delle Marche” – ha dichiarato il consigliere – “e al fine di garantire ai cittadini una sanità pubblica di qualità ed equamente accessibile, con l’obiettivo primario del miglioramento dei servizi ospedalieri, riteniamo importante che ci sia una volontà comune di realizzare una nuova ed efficiente struttura ospedialiera”.

“Proprio in riguardo” – prosegue Rapa – “ho presentato la suddetta risoluzione con lo scopo prioritario di manifestare la necessità di un percorso comune che sia il più possibile partecipato e condiviso da tutti, per poter così arrivare alla miglior scelta della localizzazione della nuova struttura, convinto che la realizzazione di tale opera sia in grado di dare risposte qualificate alla domanda di salute dei cittadini di tutto il territorio, dalla costa all’entroterra”.

Il consigliere è più che mai convinto che soltanto con un confronto costante e la piena condivisione degli intenti è possibile raggiungere la scelta migliore in termini di localizzazione del sito e per questo ha chiesto che si venisse a definire con le amministrazioni e i territori interessati un confronto con le opportune valutazioni tecniche ed economiche delle aree proposte, tenendo in considerazione anche le relative infrastrutture viarie necessarie a rendere la struttura facilmente accessibile sia ai residenti della costa che a quelli dell’entroterra, dato che per molte specialità, sarà, quale ospedale di secondo livello, la struttura di riferimento per l’intera Provincia. Il consigliere Rapa chiede inoltre una valutazione attenta, basata su dati oggettivi, della comparazione fra i siti proposti ed una comparazione oggettiva con altri nuovi siti che fossero nel frattempo individuati e ritenuti idonei e funzionali allo scopo, al fine di identificare il sito più vantaggioso in termini di costi/benefici. E non per ultimo, va anche fatta una corretta valutazione sulle diverse tipologie di finanziamento con cui si dovrà realizzare la nuova struttura ospedaliera. Infine, sempre secondo Rapa, anche i singoli ospedali attualmente in forze non vanno trascurati.

“E’ importante che nel frattempo vengano rafforzati i servizi ospedalieri del Santa Croce e del San Salvatore” – ha concluso- “portando a compimento il più celermente possibile il percorso di integrazione funzionale non ancora completato, in modo da fornire ai cittadini il miglior servizio possibile”. Il consigliere è convinto e lo ha ribadito più volte che solo con la condivisione e il confronto siano il metodo corretto per arrivare alla realizzazione di un’ opera che segnerà in modo importante il futuro del nostro territorio.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: