Giuseppe Giorgetti : “Sciagurato l’innalzamento dell’uso dei voucher in agricoltura”

Giuseppe Giorgetti : “Sciagurato l’innalzamento dell’uso dei voucher in agricoltura”

Giuseppe Giorgetti : “Sciagurato l’innalzamento dell’uso dei voucher in agricoltura”di GIUSEPPE GIORGETTI*

ANCONA – Dopo la pubblicazione da parte dell’INPS del  bilancio dei “buoni lavoro” comprensivi di salario e di coperture contributive : dal 2008 al 2015 risultano venduti in Italia 277,2 milioni di voucher di importo nominale di € 10 . In agricoltura ne sono stati utilizzati  circa il 5,1%. L’ultimo Consiglio dei Ministri ha introdotto l’ estensione dei voucher fino a 7mila euro.

Come  Fai Cisl Marche riteniamo “sciagurato”   l’impiego attuale dei “ticket lavoro” e l’ulteriore possibilità di utilizzo . Stiamo assistendo  ad un  uso smodato e senza controllo, una tipizzazione che colpisce la tutela dei lavoratori , negando diritto alla pensione , all’ assistenza sanitaria, al TFR , alla malattia e agli ammortizzatori sociali.

Si tratta di un vero caporalato  cartaceo dove il voucher è il semplice parasole di un rapporto di lavoro che dura più di un giorno e per molte  ore al giorno .

Facciamo tanti sforzi per  rinnovare i contratti nazionali e provinciali di lavoro e poi si utilizzano questi strumenti che eludono e vanificano   ogni  norma che regolamenta il contratto e la dignità del  salario agricolo .

La strada da percorrere  va nel senso opposto, occorre ridurre il volume consentito , controllare l’effettivo rispetto della legge , affidare alla contrattazione la definizione di nuove regole .

La questione va affrontata nel suo complesso, definendo limiti invalicabili, che riconoscono la specificità del lavoro occasionale agricolo, che vive di stagionalità e di rapporti di brevissima durata.

Tenere alta la attenzione su questo fenomeno significa per noi della Fai Cisl anche  evitare  concorrenze  sleali fra le  aziende agricole, fra chi tiene in regola il proprio personale rispettando leggi e contratti e chi invece anche sulla retribuzione dei lavoratori ne fa  un motivo di  speculazione salariale .

Il 25 Giugno 2016 manifesteremo a BARI  al fianco delle segreterie nazionali di Categoria per sostenere il diritto in agricoltura ad un lavoro tutelato e retribuito.

*Segretario generale Fai Cisl Marche

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: