Anche nelle Marche sempre più aziende vendono on line

Anche nelle Marche sempre più aziende vendono on line

Il ritratto del fenomeno emerge dai dati elaborati da InfoCamere per Unioncamere, secondo i quali il ‘boom’ delle imprese di vendita via internet ha visto negli ultimi sei anni una crescita continua, mentre le imprese tradizionali del commercio stentavano

Anche nelle Marche sempre più aziende vendono on line

ANCONA – Borse, cosmetici, accessori, gadget, abbigliamento, articoli per bambini e per la pesca. Ma anche auto e moto, casalinghi, vino, scarpe, biciclette, parquet, prodotti elettronici e farmaceutici, libri, occhiali, giocattoli fino alle “piante di acqua dolce”, ai sistemi di allarme e ai servizi di pompe funebri. E’ solo una piccola frazione di quello che si può comprare sul web attraverso le 463 imprese marchigiane operanti nel settore delle vendite online che, a fine 2015, risultavano iscritte al Registro delle imprese delle Camere di commercio.  Il ritratto del fenomeno emerge dai dati elaborati da InfoCamere per Unioncamere, secondo i quali il ‘boom’ delle imprese di vendita via internet ha visto Negli ultimi sei annI una crescita continua, mentre le imprese tradizionali del commercio stentavano.

Anche nelle Marche sempre più aziende vendono on line“Nella nostra regione” commenta il presidente Unioncamere Marche Graziano Di Battista (nella foto)  “le imprese che vendono esclusivamente on line i loro prodotti sono passate dalle 180 del 2009 alle 463 del 2015, con un aumento di 283 imprese pari al 157,2 per cento. Si tratta di attività che hanno registrato in questi anni di crisi, una espansione del loro fatturato e della produzione, riuscendo a raggiungere, grazie al web, i loro clienti in ogni parte del mondo ed a conquistarne di nuovi sia in Italia sia all’estero.”

Mentre le imprese di commercio on line crescono, quelle che vendono i loro prodotti attraverso i canali tradizionali, scendono:  in sei anni sono passate da 21.049 a 21.186, con la perdita di 55 aziende.

La provincia marchigiana con il maggior numero di imprese commerciali on line è quella di Ancona (129), seguita da Pesaro Urbino (111), Macerata (90), Fermo (72) e Ascoli Piceno (61).

In Italia le imprese di commercio al dettaglio via internet, tra il 2009 e il 2015,  sono aumentate da 5.933 a 14.927, con un saldo di 8.994 aziende , pari al 151,6 per cento.

A guidare la corsa nazionale del commercio virtuale sono gli imprenditori abruzzesi (+260% le imprese con sede nella regione adriatica, nel periodo considerato), seguiti da quelli pugliesi (+218%) e da quelli campani (+202%). In termini assoluti, la crescita più consistente si registra invece in Lombardia (1.694 imprese in più nei sei anni), in Campania (+1.069) e nel Lazio (+983).

 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI QUALSIASI TIPO DI PRODOTTO EFFETTUATO VIA INTERNET

Distribuzione regionale delle imprese registrate al 31 dicembre 2015 e confronti con il 2009

Valori assoluti e percentuali

 

Regione ANNO ANNO SALDI Var. % 2009-2015
2015 2009 2015-2009
ABRUZZO 402 112 290 258,9%
BASILICATA 97 33 64 193,9%
CALABRIA 302 102 200 196,1%
CAMPANIA 1.598 529 1.069 202,1%
EMILIA ROMAGNA 1.178 469 709 151,2%
FRIULI-VENEZIA GIULIA 256 151 105 69,5%
LAZIO 1.744 761 983 129,2%
LIGURIA 275 137 138 100,7%
LOMBARDIA 2.787 1.093 1.694 155,0%
MARCHE                463 180 283 157,2%
MOLISE 49 25 24 96,0%
PIEMONTE 1.143 497 646 130,0%
PUGLIA 911 286 625 218,5%
SARDEGNA 236 132 104 78,8%
SICILIA 876 335 541 161,5%
TOSCANA 1.060 440 620 140,9%
TRENTINO – ALTO ADIGE 240 116 124 106,9%
UMBRIA 212 99 113 114,1%
VALLE D’AOSTA 17 17 0 0,0%
VENETO 1.081 419 662 158,0%
ITALIA 14.927 5.933 8.994 151,6%
Fonte: Unioncamere-InfoCamere, Movimprese    
         
PROVINCIA 2015 2009 saldo var. %
         
ANCONA 129 54 75 138,9%
PESARO URBINO 111 46 65 141,3%
MACERATA 90 30 60 200,0%
FERMO 72 28 44 157,1%
ASCOLI PICENO 61 22 39 177,3%
MARCHE 463 180 283 157,2%
Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: