Ceroni: “Il No al referendum è la madre di tutte le battaglie”

[themoneytizer id=17589-1]

Remigio Ceroni: “Il No al referendum è la madre di tutte le battaglie” 

Jessica Marcozzi: “Resterò sempre in Forza Italia, fedele al nostro leader Berlusconi” Si è riunito ad Ancona il Comitato regionale Forza Italia

Ceroni: “Il No al referendum è la madre di tutte le battaglie”

ANCONA – Si è riunito lunedì, nella sede regionale in corso Garibaldi, a Ancona, il Comitato regionale di Forza Italia. All’ordine del giorno la situazione politica nazionale, le elezioni amministrative 2016, la relazione dei Coordinatori provinciali sui candidati e sulle liste presentate, l’organizzazione dei “Comitati per il No” e il tesseramento 2016. Il coordinatore regionale Remigio Ceroni ha rimarcato che: “L’incontro è servito per fare il punto sulla situazione politica nazionale e sui rapporti con i partiti, storicamente alleati, di centrodestra che anche nelle Marche presentano elementi di criticità. Attualmente, la madre di tutte le battaglie, è quella per il “No” al referendum. Bisogna costituire i comitati per il No ai quali possono aderire tutti quelli che vogliono mandare a casa Renzi perché non condividono la riforma, o meglio, il massacro fatto della Carta Costituzionale e le sue politiche di carattere economico che stanno mettendo in ginocchio il Paese. L’occasione è stata utile anche per dare una valutazione fortemente negativa dei primi 300 giorni dell’Amministrazione Ceriscioli.  300 giorni banali, insignificanti, scialbi. Non è stato fatto nulla di significativo. Non si vede una programmazione, non c’è una riorganizzazione del servizio sanitario. Non ci sono idee per il rilancio economico della nostra regione. Il consenso dell’Amministrazione è in caduta libera a causa del crollo a livello nazionale del Pd ma anche a seguito di scelte sbagliate nella Sanità”.

Il Capogruppo in Consiglio regionale, Jessica Marcozzi concorda con quanto espresso dal Coordinatore regionale Remigio Ceroni. Al contempo dichiara, rimarcando con forza, che: “Nonostante il Partito stia vivendo a livello centrale delle frizioni e subendo delle forze centrifughe, io sono nata in Forza Italia e resterò sempre in Forza Italia, mostrando fedeltà al nostro leader Silvio Berlusconi quali che siano le scelte del Presidente. In Regione, Forza Italia è già avviata in un’attività di un’opposizione vigile e costruttiva, non come altre forze di minoranza che hanno scelto, invece, diverse strategie”.

L’appuntamento con un nuovo Coordinamento regionale è fissato a subito dopo le prossimi elezioni amministrative.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it